L’Africa arriva nel cuore di Firenze con il Kibaka Florence Festival

Africa, toc toc firenze

All’interno del cuore medievale di Firenze, sorge la nostra amata Biblioteca delle Oblate. Questo punto d’incontro, di cultura, di studio è anche lo scenario principe di eventi culturali di mille generi diversi che ogni volta riescono ad appassionare e legare noi fiorentini.

Questa volta tocca all’Africa farsi spazio tra le file e file di libri che decorano gli scaffali della nostra bella biblioteca. L’Africa è arrivata a Firenze con il Kibaka Florence Festival dal 16 al 18 dicembre 2013 e sarà alle Oblate con una rassegna di film gratuita aperta al pubblico fiorentino.

Il Kibaka Florence Festival nasce nel 2011, promosso e realizzato dall’Associazione Angolana Njinga Mbande.

Lo scopo di questo festival è quello di far conoscere aspetti poco noti delle realtà africane, attraverso una rassegna di film di artisti o autori di origine africane. Il nome ”Kibaka” significa sedia. Stiamo parlando della sedia sulla quale gli anziani delle tribù africane poggiano per raccontare ai giovani le loro storie, le storie dei loro antenati e le tradizioni che si tramandano di generazione in generazione sulla loro terra. Su quelle sedie si proiettano il presente e passato di intere comunità, un po’ come un film.

Kibaka è alla terza edizione quest’anno e tratterà i temi “Diritti & Libertà”.

Il festival parlerà della discriminazione sessuale e di genere con due proiezioni. Il primo, ”Call me Kuchu”, è un film sulla vita e sull’omicidio di David Kato, noto  leader della lotta per i diritti LGTB in Uganda assassinato il 26 gennaio 2011, il secondo, “Fluorescent Sin”, invece tratta il tema la situazione dei rifugiati discriminati in base al proprio orientamento sessuale.

africa, toc toc firenze

Il festival tratterà anche temi come l’emancipazione ed i diritti delle donne, che verrà presentato al festival con il thriller sociale Androman, i mutamenti economici e sociali e la ricerca di speranza inNairobi Half Life”, film kenyano in lista per l’oscar 2013,  i diritti dei bambini e un duro attacco agli abusi con il delicatissimo film sudafricanoLittle One”. 

Anche un altro tema verrà affrontato dal Kibaka Florence Festival. Un tema che ha toccato da vicino la città di Firenze. Stiamo parlando della sparatoria avvenuta in Piazza Dalmazia il 13 dicembre 2011, culminata nella morte di due ragazzi. Il festival parlerà del tragico evento con il film ” Va Pensiero“.

Il festival ha deciso di commemorare la scomparsa di Nelson Mandela con un film che si terrà in chiusura il 18 dicembre.

Non solo film al Kibaka

Sono previste infatti altre due stimolanti attività. Stiamo parlando di un incontro con alcuni autori che presenteranno i propri film sopracitati ed una mostra fotografica.

AfricaToscana”, a cura di Maurizio Picci, è una mostra fotografica che comprende ben 25 scatti in bianco e nero ed ha lo scopo di raccontare l’amicizia tra studenti africani ed italiani che si ritrovano a vivere insieme nella Casa dello Studente “P. Calamandrei”. La scelta dell’assenza di colori sta a sottolineare l’aspetto umano di tutti noi: una maniera di rompere con i luoghi comuni e gli stereotipi. 

 

Top
Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE