Alle Murate si parla di Expo e di buon vivere. Con l’assessore Gianni Salvadori.

Gianni Salvadori

Sarà l’assessore Gianni Salvadori a intervenire alla presentazione del nuovo fascicolo di TXT Magazine dedicato al buon vivere, in linea con i temi dell’expo, insieme al suo direttore Daniele Lauria. Un fascicolo che dà spazio ai progetti che sono stati approvati per rappresentare il meglio della Toscana a Milano.

Martedì 7 aprile, l’evento pubblico al Caffè Letterario “Le Murate” organizzato dall’associazione culturale “La Nottola di Minerva”. Un’occasione per Pacini, l’editore del magazine, di presentare la rivista insieme, oltre a Salvadori e Lauria, anche a Carlo Chiostri, responsabile del settore promozione dell’innovazione e sistemi della conoscenza della Regione.

 Gianni Salvadori - Toc toc Firenze

Ma cosa si intende per “buon vivere”?

Come spiega Daniele Lauria, il buon vivere “è il prodotto di una cultura millenaria dove la fatica dei contadini, dei minatori, degli operai e degli artigiani ha consegnato al mondo una regione unica. Ogni giorno la Toscana si rinnova, raccogliendo le sfide della modernità e facendo della ricerca uno degli assi portanti del proprio sviluppo”. Un’eredità, quindi, da custodire e nutrire. E soprattutto, di cui andare fieri.

 

L’Expo come presa di coscienza

Ma l’Expo non è solo una vetrina. Può rappresentare un’occasione di consapevolezza, e Gianni Salvadori ne è convinto: “L’Expo ti mette davanti alla necessità di prendere coscienza sul futuro del pianeta“, dichiara a TXT, “sulle risorse che sono limitate e che devono essere a disposizione di tutti, sulla necessità di garantire una vita dignitosa a miliardi di persone, di porre rimedio a fame, malattie, povertà, sulle scelte che riguardano l’ambiente, il clima.” Sembra che alcuni progetti abbiano colto questo invito: è l’esempio di “Ginori Lisci SRL”, che si impegna a coltivare energia pulita e a produrre in linea con il rispetto del territorio, oppure di “Sostenibile Chef”, un “viaggio nella sostenibilità ambientale con gli attori della ristorazione locale”.

Gianni Salvadori - Toc toc Firenze

 

L’agricoltura, punto di partenza e non solo

Il presidente Enrico Rossi, intervistato da TXT, parla di una regione in prima linea anche dal punto di vista normativo, pioniera nell’approvazione del Piano Paesaggistico e della nuova legge urbanistica. In questo contesto l’agricoltura di inserisce come strumento fondamentale, “non solo come fonte di cibo, ma anche come presidio del territorio”.

Molti dei progetti approvati hanno proprio a che fare con la valorizzazione delle risorse della nostra terra, come ad esempio “Funghi espresso” che si propone di coltivare funghi freschi riutilizzando i fondi di caffè; l’Azienda agricola Mastro Ciliegia, invece, è orientata alla preservazione di antiche varietà di fruttiferi, ormai scomparse dal mercato della grande distribuzione; il progetto “Oltre il giardino”, ancora, sfrutta gli spazi verdi all’interno del Carcere Gozzini di Firenze e permette ai carcerati stessi di coltivare fiori e piante aromatiche. Non mancano le idee legate all’educazione alimentare, alla riscoperta di sapori e abitudini da cui la frenesia di ogni giorno sembra averci allontanato.

L’iniziativa di martedì prossimo al Caffè Letterario “Le Murate” servirà a fare un punto sul buon vivere: un momento di confronto per scaldare i motori e prepararci all’evento che sarà un’occasione irripetibile per rilanciare il territorio Toscano in Italia e nel mondo.

 

Top
Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE