Da Daniele di Diorama, nel nome del Bicchiere, dello Spirito e della Fantasia

Questa è la rubrica “Nel nome del Bicchiere, dello Spirito e della Fantasia” è nata per avvicinare due mondi sempre molto vicini ma quasi mai in contatto, sempre separati da un bancone. Curiosità e risposte a domande che avreste sempre voluto chiedere a chi vi allieta le serate e vi fa svegliare la mattina con grandi mal di testa, persone che non vi ricordate il nome, vestiti ancora addosso e così via.

E te cosa vorresti chiedere al tuo barista?

Nome e provenienza?

Daniele Bertelli, Firenze “un po’ fuori”.

Professione? Cosa ti ha avvicinato a questo mondo?

Barman. Semplicemente a causa del calo dell’industria dell’orificeria e da quando ho 20 anni sono diplomato all’ AIS (associazione ialiana sommelier) e come sommelier mi sono avvicinato al mondo del vino e poi a quello della birra.

toc dani 2

Dove lavori e da quanto sei là?

Qua da Diorama da pochissimo, da febbraio, però vengo da un esperienza precedente al Public House, primo locale gestito insieme al mio socio Davide che è rimasto li a gestirlo, mentre io mi sono buttato in questa nuova esperienza.

Il tuo lavoro in 3 parole.

Passione, Sacrificio e Divertimento.

Perché a Firenze? mezzo di trasporto?

“Purtroppo” perché sono nato qua, Firenze é una città bellissima, ma piena di contraddizioni. Per il mezzo di trasporto amo le macchine Vintage, ho una Lancia Fulvia coupé e una Fiat 126.

Il cliente che proprio non riesce a farsi amare?

L’amicone improvvisato, sembra che lo conosci da una vita ed è solo lì da 5 minuti.

Il cliente perfetto esiste?

Sì, il cliente a cui piace bere di qualità.

Sogni una Firenze By night diversa?

Diversa no, sogno che ci siano leggi più concrete e decisioni chiare.

Sogno nel bicchiere?

Il mio sogno al momento è qui, sto realizzando Diorama e spero che sia coronato con la concessione per la pedana esterna dal Comune,visto che ho fatto la richiesta da tempo!

3 cose che la gente non sa sul tuo lavoro?

Prima cosa che non sono un cliente, è divertente vedere persone che a volte non si rendono conto che non sono li a bere. Gestire un locale è un IMPRESA. E che a volte ti può capitare di dover servire persone che non vorresti vedere. Pero fa parte di quello che a me piace fare!

Hai mai avuto un guru o ne hai uno?

Ho conosciuto molte persone che mi hanno inspirato nel mondo del vino, però una figura di riferimento e che mi ha affascinato come modo di lavorare è Fabiano del Cafè Florian.

Ammettilo che cosa non puoi più bere a causa di una sbornia gigante?

In realtà al momento niente, ma ho avuto seri problemi con il vino frizzantino bianco da piccolo e questo ultimo dell’anno che mi sono distrutto con il Fernet.

Quando cominci a capire che un cliente non ne ha proprio più?

Quando ti si presentano al bancone e non riescono più a parlare la loro lingua.

Se dico Shot?

Dico shottiamo, io mi butto sempre sull’amaro Vintage.

Drink raccomandato?

L’ Amara Maionchi  una  “angry”  IPA vol.7,5%  tendente all’amaro.

toc dani 3

Vuoi scoprire altri lavoratori indefessi della notte? Allora continua a leggere Nel nome del Bicchiere, dello Spirito e della Fantasia!

Top
Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE