Dove sposarsi a Firenze: le location più suggestive

Sposarsi a Firenze, un sogno che diviene realtà. “Firenze è una città per sposi; Venezia, per amanti; Torino, per i vecchi coniugi che non hanno più nulla da dirsi.”

Così scriveva nel 1935 Dino Segre nel suo Dizionario Umoristico. Senza entrare nel merito delle rivendicazioni campanilistiche fra tre città simbolo del Bel Paese, a distanza di ottant’anni, però, l’intuizione del celebre aforista sembra confermata.

Il Comune di Firenze ha, infatti, di recente ampliato e articolato le possibilità di celebrare il matrimonio civile per soddisfare le esigenze dei tanti fiorentini che in città vivono e qui voglio suggellare la loro unione, ma anche di tutte quelle coppie sparse per il mondo che desiderano pronunciare il sì tra Piazza della Signoria, Ponte Vecchio e Piazzale Michelangelo.

Tra arte, cultura e bellezza paesaggistica

A Firenze non mancano, del resto, spazi adatti a ospitare un matrimonio da favola. Oltre alle location storiche – la Sala Rossa di Palazzo Vecchio e Villa Vogel, nel Quartiere 4 – sono state individuate altre quattro sedi cerimoniali, che coniugano arte, cultura e bellezza paesaggistica.

Il Salone de’ Cinquecento è la sala più grande e importante sotto il profilo storico-artistico di tutto Palazzo Vecchio. Realizzata nel 1495 per ospitare il Consiglio Maggiore della Repubblica, si presta a matrimoni solenni e regali con il suo soffitto a cassettoni decorato, gli affreschi del Vasari e le undici statue in marmo tra cui il famoso “Genio della Vittoria” di Michelangelo.

sposarsi a firenze, toc toc firenze

La Sala Rossa, sempre in Palazzo Vecchio, assunse l’aspetto attuale nella seconda metà del XIX secolo, quando divenne la camera da letto privata del barone Bettino Ricasoli, allora Primo Ministro del Governo Toscano: tra tappeti, velluti e tendaggi, tutti nei toni del rosso e del porpora, è la cornice perfetta per una cerimonia intima e raffinata, con solo 40 posti a sedere e un’eleganza d’altri tempi.

Un altro piccolo gioiello impregnato di cultura e storia è la Sala di Lorenzo, dove la suggestione del passato rivive attraverso le pitture di Giorgio Vasari e di Marco da Faenza per i trenta invitati che può accogliere.

sposarsi a firenze, toc toc firenze

Un giorno indimenticabile

La Sala consiliare di Villa Vogel, sede dell’ organo legislativo del Quartiere 4, si trova nello splendido complesso rinascimentale della villa. Al nucleo originario si sono aggiunte nei secoli il chiostro, il portico, la loggia e una cappella privata, oltre al grande parco alberato, che da solo vale il sopralluogo per la scelta della location.

Risale invece alla fine dell’Ottocento la Sala della Carità, che deve il nome all’omonima statua di Tino di Camaino ed è tra le più belle del Museo Bardini: una galleria d’arte caleidoscopica e di gran pregio che lascerà gli invitati a bocca aperta.

Per le indoli più romantiche, infine, la scelta non potrà che ricadere sul Giardino delle Rose, posto sotto il Piazzale Michelangelo, realizzato dall’architetto Giuseppe Poggi nell’ambito della ristrutturazione cittadina pensata per Firenze Capitale. Tra oltre 1000 varietà botaniche e centinaia di rose, le cui specie più antiche risalgono al XVI secolo, le sculture di Jean-Michel Folon e un esempio di giardino giapponese, gli sposi potranno dire sì “… e vissero felici e contenti”.

 

Credits: [email protected], firenze.repubblica

Partecipa alla discussione!
  • Laureata in Media e Giornalismo per amore di Alice (nel Paese delle Meraviglie), mi occupo di project management culturale, mappando territori di frontiera, là dove prendono quota le storie più belle.

Potrebbe interessarti anche

musica dal vivo

La musica dal vivo a Firenze non va in letargo

Nel nostro articolo sulla musica live a Firenze di qualche mese fa, ci siamo sbizzarriti grazie ...

Il Calcio Storico Fiorentino

…e di vero valor tante e sì altere prove in finta battaglia indi mostrarse, ...

  • Commenti