Fiorentina – Chievo Verona: vittoria che vale il quarto posto. Terza riconferma in tre anni

Fiorentina - Carpi, Toc Toc Firenze

Fiorentina – Chievo Verona: Eccoci qui, anche quest’anno siamo arrivati ai titoli di coda. Serata delle ultime volte, una serata strana, bella ma con un qualcosa nell’aria che un po disturba la festa del popolo viola. C’è vento di cambiamento, incertezza su chi sederà in panchina la prossima stagione e su chi partirà titolare in attacco a Settembre al fianco di Salah. Tutti quesiti che attualmente non trovano risposte, l’unica risposta valida, al momento, l’ha data la Fiorentina, riconfermandosi per il terzo anno di fila la quarta forza del campionato (complice la vittoria della Lazio contro il Napoli) e l’inseguitrice numero uno del gruppo di testa. 3-0 bello e netto quello dei viola su di un Chievo ormai salvo ma volenteroso di chiudere in bellezza un campionato più che dignitoso.

C’è stato poco da fare però vista anche l’espulsione nel secondo tempo di Cofie, in quel momento il risultato era di 1-0 e da li in poi la Fiorentina ha preso in mano la partita mettendo al sicuro il risultato con Bernardeschi e poi chiudendo definitivamente i conti con Badelj. Ce la siamo goduta tutti questa serata, consapevoli del fatto che comunque vada, in un modo o nell’altro, questa Fiorentina da Settembre non sarà più la stessa sia dal punto di vista del gioco che dei giocatori. Molti sono i personaggi che prenderanno strade diverse quest’estate, indipendentemente da chi sederà sulla panchina della Fiorentina: Gomez, Diamanti, forse Joaquin e Vargas, Lazzari, Rosi, Richards sono solo alcuni dei giocatori che non verranno riconfermati o che verranno lasciati andare dalla società viola.

Per quanto riguarda i nomi in entrata bisognerà aspettare la decisione di Montella sul suo futuro, sempre più in dubbio. Vincenzo si è detto confuso al termine della partita: lo stadio ha portato ancora più dubbi nella sua testa e l’entusiasmo di ADV lo contagia parecchio. Manca poco al faccia a faccia tra il tecnico campano e Andrea Della Valle, l’allenatore chiede rinforzi di livello ma i fondi sono molto limitati, un punto d’incontro attualmente sembra cosa lontana ma fino all’ultimo non si può avere la piena certezza di cosa succederà. Comunque vada a finire questa storia Montella ha riportato entusiasmo in una piazza devastata dal calcio povero della vecchia scuola italiana, ha riportato gente allo stadio, ha fatto divertire e godere tutti in una maniera inverosimile. Una finale di Coppa Italia ed una semifinale, Quarti e Semifinale di Europa League e tre quarti posti di seguito per una squadra che era stata ripresa per i capelli da una retrocessione che sembrava ormai cosa certa. Assolutamente nulla da rimproverare. Sembra però davvero brutto che questo ciclo si debba così bruscamente interrompere. Saranno tre mesi lunghissimi di indiscrezioni, cambiamenti e rivoluzioni in casa viola, la prima potrebbe arrivare già settimana prossima. Questione di ore e una pagina importante del futuro di questa squadra sarà scritta.

Per quest’anno è davvero tutto, tra polemiche, glorie ed imprese sfiorate si chiude anche questa stagione all’insegna del viola. Tra poco sarà di nuovo calcio d’estate, l’astinenza da calcio giocato durerà poco. Buone vacanze a tutti.

Forza Viola!

Top
Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE