Fiorentina Napoli – La fine di un sogno ed una partita da dimenticare

Fiorentina, Toc Toc Firenze

“Gennaro De Tommaso, detto Genny a’ carogna, capo ultras dei Massiffs, ha dato il via libera alla finale di Coppa Italia dopo un lungo colloquio con Hamsik”

Ecco, questo era il titolo dell’articolo post partita di Eurosport. Siamo arrivati a questo punto? Il dispiacere per i tifosi napoletani che nel pre partita si sono presi una pallottola è tanto, spero che sia fatta giustizia al più presto perché l’episodio è gravissimo e i ragazzi non sono ancora fuori pericolo, ma vi sembra normale che per far giocare una partita gli organi di “sicurezza” con tanto di capitano del Napoli devono chiedere il via libera per giocare al figlio di un camorrista?

Fiorentina, Toc Toc Firenze

E come se non bastasse

I tifosi in curva napoletana per allontanare gli Stewart e le autorità non competenti devono usare petardi e lacrimogeni ferendone così 2? Siamo nel 2014 e tutto questo è successo senza che nessuno comunicasse nulla a noi tifosi presenti allo stadio. Il niente più totale, mente Genny a’ carogna decide il da farsi, un popolo intero (quello viola) indignato da una tifoseria da terzo mondo e da una federazione calcistica che ad oggi vale meno di un granello di sabbia sul lungo mare di Forte Dei Marmi.

Comandano loro, gli incivili, i camorristi e i delinquenti mentre noi senza parole e senza informazioni stiamo a guardare questo scempio senza precedenti.

Dopo un pre partita così non era facile per nessuna squadra giocare una finale.

Neanche per il Napoli che però ha saputo sfruttare i 20 minuti di sbandamento iniziale della Fiorentina segnando due gol, da quel momento i viola si sono svegliati e hanno accorciato le distanze con una gran castagna di Vargas all’angolino.

Nel secondo tempo la partita l’ha fatta la squadra di Montella, ci sono stadi dei buoni spunti da parte dei partenopei ma di fronte a loro hanno trovato un muro mastodontico chiamato Gonzalo Rodriguez. Montella vede che il Napoli è in difficoltà e rischia tutto mettendo dentro Giuseppe Rossi, strepitosa l’accoglienza per questo fuoriclasse, qualche lacrima di commozione da parte di alcuni tifosi nelle mie vicinanze e tanti tantissimi applausi per lui.

Fiorentina, Toc Toc Firenze

Insieme a Matri (anche lui entrato nel secondo tempo) fa vedere che lui c’è e che il ginocchio sta bene. La partita dei viola però finisce intorno all’ottantesimo minuto quando Matri stoppa un bel pallone al limite lo apre in maniera illuminante per ilicic che da due passi spara alto, da quel punto in poi la squadra si è rispenta subendo al 90º il gol di Mertens.

Il rammarico è tanto perché probabilmente un girone di Coppa Italia come quello di quest’anno non ci ricapiterà spesso, però il passo per diventare veramente grandi è ancora lungo. Alla squadra vanno fatti solo i complimenti per il grande cammino fatto in questa stagione, non ostante gli infortuni, le squalifiche e i torti arbitrali siamo arrivati in finale di coppa e siamo quarti in campionato.

Adesso massima concentrazione

Mancano gli ultimi tre match di campionato, abbiamo di nuovo Rossi e dei tifosi fantastici che poche squadre al mondo possono vantare, sfruttiamo queste armi e agguantiamo i nove punti finali. Oggi più di altri giorni dobbiamo essere orgogliosi di dire FORZA VIOLA!

 

Credist: spinobriganteinna91b, vioz29

Top
Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE