Fiorentina – Torino: pareggio da bischeri, adesso testa al Tottenham

Siviglia - Fiorentina, Toc Toc Firenze

Ingenua, ecco cos’è stata ieri sera la Fiorentina. Prendere gol al 88° dopo che finalmente, in seguito alle molteplici occasioni buttate e al rigore sbagliato di Babacar, eri riuscito a passare in vantaggio con un gran gol di Salah (sempre più valore aggiunto di questa squadra) è proprio roba da bischeri, per usare un termine nostrano. Arrivato a quel punto l’unica cosa da fare è gestire la palla, tenere in mano il pallino del gioco addormentando la partita e abbassando i ritmi. E invece no. Non contenti, nel momento del contropiede del pareggio, la squadra era tutta all’attacco vogliosa di ributtarsi nuovamente in area per cercare il raddoppio. Una grande squadra sa quand’è il momento di smettere di giocare accontentandosi di portare a casa una vittoria magra, sotto il punto di vista del risultato, ma meritata, visto l’enorme mole di gioco che la Fiorentina, con un inedito 3-4-2-1 è riuscita a creare. Ci sono momenti nel calcio in bisogna sapersi fermare. Questi due punti persi peseranno tantissimo da qui alla fine del campionato e potrebbero anche, malauguratamente, risultare fatali per i sogni europei. In vista dei prossimi impegni una vittoria oggi era fondamentale, ma è inutile piangerci addosso, è il momento di guardare avanti. Giovedì al Franchi arriva il Tottenham, fresco anch’esso di pareggio in campionato, riagguantato al 94° minuto contro i concittadini del West Ham, derby sentitissimo quello tra le due compagini londinesi. La Fiorentina arriva leggermente favorita all’incontro di Giovedì, visto il pareggio agguantato con gol di Basata a White Hart Lane. Guai però a pensare che il passaggio del turno sia già ipotecato, niente affatto. Ci sono ancora 90 minuti, se non di più, da giocare ad un ritmo pazzesco. Pochettino e compagnia arriveranno a Firenze col coltello fra i denti: hanno le carte in regola per mettere in seria difficoltà Montella e c’è da aspettarsi che un gol, in un modo o nell’altro lo possano trovare. Kane, Soldato, Eriksen, Lamela e Chadli sono solo alcuni dei nomi altisonanti presenti tra le fila dei londinesi. Il loro potenziale offensivo è strabiliante, sarà una gara emozionante e senza dubbio affascinante. Lo spettacolo è assicurato, è una partita da tripla, non c’è sulla carta una netto favorito, entrambe le squadre se la giocheranno a viso aperto in un match che ha più il sapore di Champions che non d’Europa League. L’eventuale passaggio del turno darebbe una carica pazzesca alla squadra in vista dei prossimi impegni di campionato e in vista anche del doppio impegno di Coppa Italia contro la Juventus. Vedremo, d’altronde sono queste le partite che contano veramente: se si vuol seriamente fare il fatidico salto di qualità c’è bisogno di scontrarti contro squadroni come il Tottenham. Anche i giocatori trovano motivazioni maggiori nell’affrontare questi nobili avversari. Manca ormai poco, al Franchi ci sarà il pubblico delle grandi occasioni, si parla di tutto esaurito. Il sogno è possibile, lo spettacolo è assicurato. Che vinca il migliore.

Tags
Top
Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE