Florence queer festival: una manifestazione da capitale europea nella nostra piccola Firenze

Florence Queer Festival, toc toc firenze

Forse, se non siete appassionati di cultura LGBT (lesbica, gay, bisex e trans), durante le precedenti edizioni non ci siete mai stati. Ma quest’anno il Florence queer festival, la kermesse rainbow tutta fiorentina di cinema, teatro, arte e musica ha sicuramente qualcosa in serbo per chiunque.

Che cos’è il Florence queer festival

Si tratta di uno dei festival di cultura LGBT più importanti e grandi d’Italia, con molte anteprime italiane ed europee e ospiti da tutto il mondo. Insomma una di quelle manifestazioni che vi aspettereste in una capitale europea e che invece si svolge a Firenze da ormai più di dieci anni – alla faccia di chi dice che questa città vive solo nel passato.

 Il piatto forte della manifestazione: la selezione di film

Questa, ormai da qualche anno, si svolge nella prestigiosa cornice del cinema Odeon all’interno della 50 Giorni di Cinema Internazionale a Firenze.

Fra gli appuntamenti a cui sicuramente non potrete rinunciare c’è Opium di Arielle Dombasle, film che a 50 anni dalla morte del regista e scrittore Jean Cocteau parla del suo tormentato amore con Raymond Radiguet, sfociato nell’uso e abuso di oppio. Il tutto in una commedia musicale dall’atmosfera onirica in una Parigi anni ’20.

Florence queer festival, toc toc firenze

Se la Francia però non è abbasanza esotica per i vostri gusti, quest’anno il festival guarda lontano. Fra le molte proposte che riguardano il mondo LGBT al di fuori dall’Europa, vi consigliamo Lost in Paradise di Vu Ngoc Dang (anteprima italiana).

Vi potrete immergere nelle atmosfere vietnamite con la storia di Khoi, un ventenne che che deve fare i conti con la propria omosessualità in un paese difficile.

Florence queer festival, toc toc firenze

Cambiando un po’ tema e parlando di musica, chi è stato al concerto dell’estate scorsa di nella nostra città potrà rivivere quell’atmosfera con Turning di Charles Atlas. Il film parla della tournée del 2006 dell’artista e delle tredici performer transgender che hanno partecipato alle esibizioni. I temi dell’identità, della sessualità e del genere sono infatti ben presenti nel lavoro dell’artista, mentre la voce del cantante permea tutto il film.

Infine, per quelli che vogliono osare, l’appuntamento giusto è Interior Leather bar di Travis Mathews e James Franco. Si tratta di una docu-fiction concettuale e metacinematografica che riproduce i 40 minuti di sesso estremo tagliati dal film Cruising del 1980 con Al Pacino in quanto ritenuti eccessivamente forti. Ovviamente vietato ai minori di 18 anni.

Florence queer festival, toc toc firenze

 Non solo cinema, ma anche fotografia

Se il film vi è piaciuto a pochi passi dall’Odeon la storia continua presso IED Firenze, Via Bufalini 6/r, dove la mostra fotografica The Pink Choice di Maika Elan ritrae scene di intimità quotidiana di coppie gay vietnamite. Lo scopo dell’artista è raccontarle finalmente in modo positivo, a differenza della narrazione tragica riservata a questo tema in Vietnam.

.. e se proprio non ne volete sapere né di cinema, né di mostre, beh, speriamo che non vi siate persi la festa di apertura il 28 Ottobre al Viper, con un ospite tutto queer come Immanuel Casto e il suo porn groove!

Top
Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE