Il Consiglio di Quartiere

consiglio di quartiere, Toc toc firenze

Partecipazione diretta per i cittadini: il consiglio di quartiere, l’organo a noi più vicino

consiglio di quartiere - Toc toc firenze

Un po’ di storia

La nascita dei Consigli di Quartiere è il frutto di un lungo e articolato processo che risale a ben prima del 1976, l’anno in cui sono stati ufficialmente riconosciuti come organi politico-amministrativi.
Tra gli anni ’60 e gli anni ’70 si condensarono vari avvenimenti che contribuirono al fervore partecipativo alla base della nascita dei Consigli di quartiere: nel ’66 l’alluvione di Firenze è un primo grande momento di solidarietà collettiva caratterizzata dall’autorganizzazione dei cittadini per portare i primi soccorsi e per gestire l’opera di ricostruzione; nel ’68 il fermento politico e culturale si accende sulla scia delle manifestazioni studentesche.

Negli stessi anni nascono i primi doposcuola e l’educazione diventa un punto centrale dell’azione politica, un momento di confronto fra insegnanti e genitori per migliorare l’attività pedagogica e portare sulla rotta del cambiamento una scuola classista e nozionistica; anche sul mondo del lavoro il fermento è elevatissimo, in quel periodo i lavoratori si uniscono spontaneamente in scioperi e rivendicazioni che daranno il via ai movimenti di lotta degli anni ’70.

I circoli ricreativi, i gruppi sportivi, le parrocchie, le case del popolo e i primi Comitati di cittadini su questioni specifiche diventano i luoghi attraverso cui  il cittadino si riappropria dei propri spazi e cerca di inserirsi nel processo della loro gestione, in un processo di partecipazione democratica spontanea e autorganizzata che non ha precedenti.

E’ in questo clima che nel 1976 vengono per la prima volta riconosciuti ufficialmente i primi Consigli di quartiere quali organismi di partecipazione e decentramento (viene loro affidata anche parte dell’attività amministrativa).

consiglio di quartiere,  Toc toc firenze

Ma guardiamo più da vicino questo organismo:

Da chi è composto:
Il Consiglio di quartiere è composto da consiglieri in numero pari alla metà di quello previsto per il Consiglio comunale.

Come viene eletto:
L’elezione si svolge contemporaneamente a quella del Consiglio comunale con liste separate, sostenute da almeno 200 elettori del quartiere, indicanti ciascuna un candidato alla carica di Presidente del Consiglio di quartiere, con la possibilità di indicare due preferenze di genere diverso.
La distribuzione dei seggi avviene con metodo proporzionale con premio di maggioranza che viene assegnato nei casi seguenti:

  • alla lista o coalizione che ha superato il 50% dei voti viene assegnato il 60% dei seggi
  • se la lista/coalizione con maggior numero di voti ha raggiunto il 40% dei voti, viene assegnato il 50% +1 dei seggi

 consiglio di quartiere - Toc toc firenze

Quando decade:
Il mandato dura 5 anni, analogamente a quello del Consiglio comunale.
Decade anticipatamente in caso di sciogliemento anticipato del Consiglio comunale, per dimissioni della maggioranza dei consiglieri o su deliberazione del Consiglio comunale in caso di gravi violazioni dello Statuto o irregolarità nella gestione dei servizi.

Come funziona:
Il funzionamento del Consiglio di quartiere è analogo a quello del Consiglio comunale: sono presenti un Presidente, i gruppi consiliari, le commissioni consiliari, il collegio di Presidenza (è l’organo esecutivo, composto da presidente, vicepresidente e presidenti delle commissioni) e lo svolgimento delle sedute è analogo.
La Conferenza di decentramento rappresenta il momento di raccordo delle attività dei vari quartieri e di consultazione con gli organi politici del comune.

Funzioni e competenze:

  • Presentazione di mozioni, interpellanze, interrogazioni e proposte di delibere agli organi del comune
  • Gestione dei servizi di base e dei servizi alla persona sulle linee dettate dal Consiglio comunale
  • Promozione e contributo alla realizzazione di opere pubbliche nell’ambito del quartiere (parchi, piste ciclabili, strutture sportive..)
  • Formulazione di pareri obbligatori sulle deliberazioni consiliari in materia di piano urbanistico e bilancio annuale/pluriennale per quanto riguarda la realtà del quartiere

 

 

Tags
Top
Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE