Kalinic non basta, un grande Napoli batte un altrettanto grande Fiorentina

Napoli - Fiorentina, Toc Toc Firenze

Napoli – Fiorentina: Niente da recriminare, nessun passo falso ne occasione sprecata. Quest’oggi, al San Paolo, ha vinto probabilmente la squadra più forte sotto il punto di vista mentale. Fisicamente entrambe le formazioni hanno retto il confronto alla grande, e possiamo tranquillamente dire che i primi 45 minuti di gioco sono stati i più belli di tutto il campionato per quanto riguarda il livello tecnico visto in campo. Solamente due errori, fatali, hanno fatto si che un bellissimo Napoli firmato Sarri (il buon Maradona dovrà segnarselo questo nome, perché non credo se ne andrà presto dalla panchina dei partenopei) potesse portarsi a casa tre punti d’oro per la loro classifica. A poco è bastato il gol di Kalinic, la speranza viola è durata appena due minuti, poi, complice la disattenzione di Ilicic, ci ha pensato Higuain a chiudere i conti. Le danze, in precedenza, le aveva aperte Insigne su una mancata chiusura di Tomovic. Errori costati cari, carissimo alla squadra di Sousa che però, secondo quanto recita la classifica, è ancora li. La gara di Napoli ha raccontato di una Fiorentina forte, senza ombra di dubbio, ma con qualche calo mentale di troppo nei momenti decisivi. È già tempo però di guardare avanti, a poco serve disperarsi per una sconfitta che oltre tutto ci poteva stare, e che visto com’è andata non è poi così ingiusta. Servirà di lezione, il primo scontro diretto per la vetta è andato, Domenica ce ne sarà un altro ed è assolutamente vietato sbagliare per Sousa e compagni. Ci sono troppe squadre e pochi punti di scarto, un ulteriore passo falso potrebbe risultare fatale e questa squadra non può assolutamente permetterselo. Questa Fiorentina è una squadra che fa paura a tutti, gioca bene a calcio, si trova a memoria e finalmente ha un terminale offensivo che fa gol. Quest’oggi però, vuoi per l’acciacco di Alonso, vuoi per il gol preso subito ad inizio ripresa, qualcosa si è inceppato nella testa dei giocatori. Un piccolo passo falso che però non deve far crollare tutto ciò che di buono è stato fatto fino ad ora. Niente panico, Giovedì arriva il Poznan in casa, e se si vuole questo può anche essere un fattore positivo in vista del match coi giallorossi, per ritrovare da subito la fiducia e la carica giusta davanti al proprio pubblico. Superato lo scoglio Roma i viola affronteranno Hellas, Frosinone e Sampdoria. Gare assolutamente da non sottovalutare, ma dove è certamente possibile fare un buon gruzzolo di punti. Il calendario se vogliamo è piuttosto favorevole ai viola da qui a Dicembre, con i gigliati che se riusciranno ad organizzarsi al meglio, potrebbero sperare in un piazzamento tra le prime tre della classe da qui alla sosta natalizia. Voltare pagina: questo dev’essere l’input. Si cambia da subito cosci però degli sbagli commessi. La rotta è quella giusta, bisogna solo riprendere in mano il timone.

 

Credits: fiorentina_ole

Top
Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE