Mensa universitaria di Firenze: dove, quando, come e perché

mensa universitaria Firenze, Toc Toc Firenze

La mensa universitaria di Firenze è uno dei luoghi preferiti dagli studenti dove mangiare durante le giornate di lezione.

Quelle messe a disposizione dall’ateneo fiorentino non sono pochissime, ma le più frequentate sono tre: la mensa “Calamandrei” in viale Morgagni, la mensa “Caponnetto” al polo di Novoli e la mensa “Sant’Apollonia” in via Santa Reparata.

Tra i lati positivi, oltre al prezzo agevolato, c’è sicuramente la possibilità di poter mangiare in un luogo chiuso, riparato e insieme ai tuoi compagni. Puoi trovare inoltre una discreta varietà di pasti, che possono essere ridotti (ad esempio primo+contorno o secondo+contorno) oppure completi, come i nuovi menù griglia plus, menù vegetariano e misto plus. Se non hai ancora deciso in quale mensa universitaria andare a mangiare, ecco qualche dritta:

Mensa universitaria Firenze, Toc Toc Firenze

Calamandrei – è la mensa del polo Biomedico e Tecnologico di viale Morgagni

Lo spazio, rinnovato meno recentemente rispetto agli altri, è spesso poco idoneo all’affluenza degli studenti. Conviene sfruttare gli orari non di punta e non di fine lezione, per cui meglio andarci durante l’orario di lezione, se non volete rischiare di dover affrontare una fila lunga e senza grossi ripari in caso di pioggia o di sole.

Caponnetto – è la mensa del polo delle scienze sociali di Novoli

La mensa è stata rinnovata in tempi non recentissimi. Negli orari di punta è possibile trovare code che cominciano all’esterno dell’edificio. L’organizzazione dei punti di consegna dei pasti è abbastanza ordinata e si riesce a muoversi liberamente qualora si volessero valutare le diverse offerte. Una volta pagato il pasto inizia però l’esodo per la ricerca di un posto a sedere, in tavoli scomodi e sedie ormai sul punto di cedere.

Sant’Apollonia – ristrutturata e inaugurata l’anno scorso, si trova in via S. Reparata

È la mensa più nuova di tutte e si trova in pieno centro. Suggestivo il contrasto fra l’ex monastero e il nuovo arredo futuristico della mensa, all’interno della quale, oltre alla classica offerta, puoi trovare bar, pasto veloce con pizza o panini, qualche tavolo all’aperto (forse un po’ pochi) e sale studio e internet point. Sicuramente si presenta bene e offre molto. Unica pecca, oltre all’affollamento e alle conseguenti file, è la disposizione delle postazioni per le varie scelte di pasto: c’è poca logica e si creano strani ingorghi e vicoli ciechi.

 

Credits: G. Cervone, CorriereFiorentino.it

Top
Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE