Museo del Novecento: il XX secolo in mostra a Firenze

Museo del Novecento, toc toc firenze

Il Museo del Novecento, la nuova Galleria d’arte

fiorentina!

“Il museo deve introdurre la gente in un mondo speciale, in cui le opere dei morti dialogano con gli sguardi dei vivi, in un confronto duraturo e fecondo.” Il filosofo Roberto Peregalli ha definito il museo nient’altro che l’intermediario fra il passato e il presente. Sembra che quest’idea di connessione nonché di continuazione fra epoche diverse, sia stata colta al balzo dal Comune di Firenze, il  quale ha inaugurato lo scorso 30 aprile il Museo del Novecento in concomitanza alla Notte Bianca.

Dove si trova e quali opere mette in mostra:

Museo del Novecento, toc toc firenze

Il Museo del Novecento, con i suoi 800 metri quadrati di superficie espositiva divisa in 20 sale, trova la sua dimora nell’ex complesso delle Leopoldine, in piazza Santa Maria Novella. Al suo interno accoglie le opere d’arte del pittore metafisico De Chirico, del grande incisore Italiano Morandi, viene mostrata l’arte sociale di Guttuso, la “pittura a zampa di mosca” definita così da Montale di De Pisis, e via discorrendo fino a delle scritte al neon di Nannucci, simbolo della relazione linguaggio-arte. Sono quasi tutte opere inedite e per la maggior parte provenienti da collezioni private.

Perchè è stato allestito questo Museo del Novecento?

 

L’idea di un raggruppamento d’opere d’arte appartenenti a privati, venne articolata dallo storico d’arte Ragghianti, che subito prese forma in un progetto al seguito dell’alluvione fiorentina del 1966. L’intenzione era quella di chiedere agli artisti italiani almeno un’opera da donare alla città del giglio, inginocchiata dalla tremenda calamità naturale. Ma, il progetto si esaurì prima ancora di esser messo in cantiere.
La realizzazione di questo Museo del Novecento richiama l’idea del filosofo, costruttore di luoghi, Peregalli nell’aspetto che più di tutti può entusiasmare il visitatore, il quale non sarà solamente un mero osservatore ma una micro parte all’interno del macro contesto storico nel quale la singola opera, apparentemente distaccata, si celebra ed esprime la sua personalità.

Museo del Novecento sì, ma non solo…

Museo del Novecento, toc toc firenze

Lo sfondo, che rende artistica una tela o una scultura, è detto contesto storico ed è rappresentato dallo stile di vita: dal cinema, dal teatro e dalla letteratura di quella determinata epoca. Scaturisce, quindi, la brillante idea di affiancare le opere al cinema, alla musica ed alla letteratura: proiettando spezzoni di film e letture di poesie.

Non manca un laboratorio, luogo di incontro per seminari.
Il Museo del Novecento rappresenta una scommessa per il futuro: si dimostrerà che dal passato bisogna ripartire, affinché si costruisca un futuro dalle solide basi. La cultura ha sempre rivestito un ruolo fondamentale nella vita del cittadino, un esempio ce lo mostra il neosindaco Dario Nardella, il quale chiama “Progetto Cultura” un insieme di azioni sostanziali che prendono forma all’interno della cornice Fiorentina.

Dal 30 aprile scorso possiamo ammirare, nella splendida Firenze, il Museo del Novecento, una grande celebrazione del XX secolo, un’epoca ricca di Arte: non è un caso che i Fiorentini vogliano rinascere da ciò che è sempre loro appartenuto.

 

Credits: Michela Di MarioMatthew Black; Angelo Cesare.

 

Top
Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE