Odio e rancore – La bottega di Calliope

In un periodo nel quale il gruppo di scrittura EsseCìEffe sta ricevendo numerosi riconoscimenti tra articoli di giornali cartacei e digitali ed eventi culturali con altre realtà letterarie/culturali fiorentine, i nostri scrittori di certo non si siedono sugli allori e tornano come ogni settimana a lavorare in bottega.
Dopo appena una settimana dai “Grandi amori in letteratura” il tema cambia vertiginosamente cogliendo nel profondo il sentimento che più di tutti è legato all’amore: l’odio.
Lo si può provare nei confronti di un’altra persona, nei confronti di se stessi o addirittura sentirsi incapaci di provare qualcosa di così assoluto e cupo, insomma non esiste una regola generale, come in tutti i sentimenti. Questo è ciò che ci hanno visto in nostri scrittori.
Buona lettura.

Odio imperfetto

Il sentimento vivo
dell’intelletto
non puo’ trasformarsi
in odio e risentimento.

Affondo
nel mio mare di pensieri
mentre tu non ricordi nemmeno
chi son stata
fino a ieri.

Eppur così innocente
e debole
il mio cuore,
da me,
odio non esce.

Autrice: Monica Ricci

Ancora, ancora, ancora

Sono io che sbaglio, come ho sempre fatto.
Forse la mia mente ha idealizzato
la tua immagine, il tuo essere o
il cuore ancora si nasconde
in vecchi caldi assopiti sentimenti.

Che significa allora?
Sono cieco oppure la mia vista
è falsata, drogata da quella
ragazza piena di difetti che
nonostante tutto amavo?

Ancora mi tratti come allora
vendendomi per salvare te stessa
e io come allora ti accoglierò,
come gli alberi fan con la pioggia.

Ancora, ancora, ancora una volta
torni sui tuoi passi. Ti rivedo
quando sorge il sole e te ne vai
appena la prima ombra del tramonto
cala su di te.

Una casa senza porte sono
stato per te, per tutto questo tempo.
Lasciandoti entrare senza chiedere
il permesso ed uscire senza spegnere
la luce.

La cosa più triste è che mi troverai
sempre, sarò qui, in nome di
ciò che hai significato per me,
di quello che sei stata per me.

Mentre io per te, niente.
Una persona che ha esaurito la
propria importanza nel tempo
come erosa dal vento.
Una persona che conoscevi.

Autore: Matteo Mazzoni

odio2

Odio

Odio l’ipocrisia di chi
vuole rovinare la felicità degli altri.
Odio il male,
e tutto ciò che provoca agli spiriti deboli.

Odio la voce insolente,
di chi non trova nessun altro
dialetto all’infuori del disturbare,
all’infuori dell’ordinare.
Odio gli ordini spietati,
di chi non conosce Amore.

Odio la notte buia,
quella che fa perdere alle anime pie,
la retta via.
Odio il tuo silenzio
che crea un muro di alte pietre.

Odio le ingiustizie,
che fanno continuamente soccombere
le povere vittime ingenue.

Odio questo posto che puzza di morte,
puzza della morte delle mille anime
che credevano nei sogni.

Autrice: Chiara Tombelli

Vuoi leggere altri racconti e poesie? Allora scopri le altre opere della Bottega di Calliope!

Credits: Lettera A; IAR

Top
Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE