Offerte di lavoro a Firenze: occhio alla truffa!

Trovare un lavoro al giorno d’oggi è diventato davvero complicato

Ma questo lo sapete già. Forse non sapevate invece di una nuova emergenza sociale che riguarda il mondo delle offerte di lavoro a Firenze e non solo, che ha subìto un brusco retro-front grazie ai social network (una volta tanto) e che ha come protagonista proprio un cittadino fiorentino.

Procediamo con ordine.

La maggior parte delle persone ormai, si affida alle bacheche virtuali per trovare offerte di lavoro e la conseguenza è che queste spuntano nel web sempre più numerose e fuori controllo: basta infatti inserire pochi dati essenziali per vedere apparire miriadi di offerte di lavoro, accessibili con un click.

lavorare-di-notte-salute

Fin qui tutto facile, vero?

La questione si complica quando, celati dietro i computer, gli inserzionisti pubblicano offerte di lavoro invitanti ma che poi si rivelano posizioni come venditore porta a porta, senza stipendio, con obbligo di partita IVA e provvigioni inesistenti in contanti, mentre l’annuncio recitava “Formazione interna e gratuita, alti guadagni e carriera dinamica”.

C’è un ombra scura sul mercato del lavoro e qualcuno qui a Firenze ha trovato il modo di fare luce circa le condizioni dei disoccupati in cerca di qualsiasi aggrappo e truffati ogni giorno, incoraggiandoli a a denunciare e a coordinarsi fra loro. Stiamo parlando della pagina Facebook “Lavoro anomalo, un contenitore a supporto di chi cerca lavoro e non vuole perdere tempo e soldi dietro a false inserzioni”.

Abbiamo quindi contattato il gestore della pagina. Alla domanda su come inizia la storia di Lavoro Anomalo, se la ride perché (parole sue) le curiosità verso di lui sono sempre le stesse ma aggiunge che non intende per questo ”tirarsela”. Quanto alla pagina, l’idea nasce dall’esser stato lui stesso una vittima del sistema di truffe lavorative. Precisa che però si tratta semplicemente di un progetto condiviso, che da qualche anno sta andando bene. Senza tirarsela, appunto.

Sulla pagina si leggono tanti ringraziamenti

…ma anche minacce di denunce e attacchi personali. Gli chiediamo come gestisce questo aspetto. Risponde: Mi sento protetto dalle 5000 persone che gravitano sulla pagina. Credo che la migliore azione per sdrammatizzare le minacce che riceviamo, sia quella di renderle pubbliche …E in casi particolari, di ricorrere alla polizia postale, ma non mi sono mai sentito in difficoltà e non ho mai pensato di abbandonare tutto.

lavoro anomalo

Fai “tutto” solo o sei in compagnia?

Lavoro Anomalo è composto da tutte le persone che segnalano partecipando attivamente. Io ho il solo compito tecnico di gestire al meglio la pagina e pubblicare i contenuti ricevuti per posta… e in questo momento “parlo” cercando di rappresentare tutte le voci che partecipano alla pagina.

Ultima domanda: cosa consiglieresti ai lettori di TocTocFirenze in cerca di lavoro? (dopo aver consultato la tua pagina ovviamente?) Risponde: Sfruttate al meglio le risorse online pretendendo sempre tutte le informazioni e i chiarimenti sia in fase di contatto telefonico, sia in fase di colloquio e investigate sull’azienda tramite i motori di ricerca.

Diffidate quindi da annunci incompleti e non rilasciate troppe informazioni private al momento del primo contatto con l’inserzionista. Investigate a fondo e date dunque retta al caro vecchio buonsenso prima di trovarvi in uffici fatiscenti situati in sottoscala marci e abitati da personaggi improbabili che propongono appunto… lavori anomali!

Credits: Lavoro Anomalo

Top
Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE