Olifi e CSEN: uniti all’insegna dello sport per tutti

olifi, toc toc firenze

La prima edizione delle Olifi ha rappresentato un punto di partenza per sviluppare sempre di più il ruolo dello sport all’interno della vita universitaria.

Per organizzare eventi di questo tipo però, la creatività e la voglia di mettersi in gioco, da soli non possono bastare. C’è bisogno anche del supporto di istituzioni e organizzazioni competenti, in grado di valorizzare un’iniziativa come quella delle Olimpiadi Universitarie. Organizzazioni come CSEN (Centro Sportivo Educativo Nazionale), che sin dalla sua nascita, persegue uno scopo promozionale e di propaganda sportiva di alto valore sociale, contribuendo allo sviluppo della pratica sportiva ed alla realizzazione dell’obiettivo di uno sport per tutti e di tutti.

Noi di Toc Toc abbiamo scambiato quattro chiacchiere con i responsabili dello CSEN di Firenze, riguardo il ruolo svolto nel progetto delle Olifi e i programmi per il futuro.

Logo CSEN

Quali sono state le prime impressioni dello CSEN sulle Olifi?

Le Olimpiadi Universitarie sono un valido e innovativo progetto, che può ricoprire le falle di aggregazione presenti all’interno dell’Università fiorentina. Inoltre crediamo che sia un efficiente modo per riavvicinare gli universitari al mondo sportivo.

Qual è stato il ruolo di CSEN all’interno del progetto?

CSEN Firenze ha contribuito ad avvicinare le istituzioni al progetto ed a promuovere l’evento all’interno delle sedi universitarie e sui  nostri canali di promozione.

foto olifi

 

Tra gli obiettivi principali dello CSEN c’è quello dell’aggregazione sociale. In che modo ritenete che il progetto delle OLIFI si diriga verso quella direzione?

La socializzazione sportiva è alla base dei progetti di CSEN firenze, e le Olimpiadi Universitarie sono un valido modo per riunire gli studenti, farli sentire partecipi all’interno di un evento a 360 gradi e farli mettere in gioco.

Cosa serve per potenziare a sviluppare progetti di questo tipo, all’interno dell’ambiente universitario?

Per riuscire a sviluppare e potenziare il progetto occorre più aiuti economici, disponibilità a collaborare con le istituzioni Universitarie e con altri enti come il Comune.

credits: logo CSEN

L’Università ha il suo lato “nascosto”: ricerca inarrestabile, grandi progetti e molto altro. Scoprilo subito!

Partecipa alla discussione!
  • Napoletano trapiantato a Firenze. Dopo aver trascorso alcuni anni scrivendo presso quotidiani e riviste, ho intrapreso questo viaggio con Toc Toc per raccontare la città che mi ha dato tanto.

Potrebbe interessarti anche

affitti, Toc Toc Firenze

Affitti a Firenze: guida per universitari

Se sei andato oltre al classico “a Firenze gli affitti sono cari”, resistendo alla violenza ...

lingue straniere

Lingue straniere? Ormai non sono più un problema

Sarà capitato anche a voi di trovarvi a balbettare e gesticolare di fronte a ...

olimpiadi universitarie fiorentine

Un anno di Olimpiadi Universitarie Fiorentine

Lo scorso maggio 2015 vi avevamo parlato dell’iniziativa realizzata da parte di due studenti ...

  • Commenti