Oltre il Palazzo: Slittano ancora i lavori per la Tramvia

Tramvia, Toc Toc Firenze

Tra mille problemi e mille polemiche i lavori per la Tramvia son destinati a slittare ancora.

Tramvia, Toc Toc Firenze

Il Cronoprogramma dell’amministrazione, infatti, annunciava per la fine di Settembre l’inizio dei lavori in zona Statuto per la realizzazione della linea 3 (Careggi – Santa Maria Novella), partendo dagli aggiustamenti di Ponte Bailey, tra viale Milton e via XX Settembre. Lo scorso 30 Settembre, invece, le aziende che gestiscono i lavori hanno annunciato lo spostamento degli inizi dei lavori agli inizi di Novembre. Un brutto colpo per il sindaco Nardella, furioso per il ritardo, che contava su un pieno rispetto delle tempistiche. Dopo un incontro con i capi delle ditte, in cui aveva promesso di “guardarli in faccia e chiedergli: a che gioco state giocando?”, si è arrivati ad un accordo, in cui le aziende si impegnano a recuperare il tempo perduto, istituendo i doppi turni nei cantieri. Nessun ritardo previsto, invece, per il cantiere di Novoli, per cui gli inizi sono previsti per metà Ottobre.

Tramvia, Toc Toc Firenze

Alla fine, non stupiscono i ritardi, ma ciò che trapela dal vertice tra il Comune e le ditte. Infatti, secondo l’assessore ai lavori pubblici Stefano Giorgetti, le aziende hanno ammesso le loro colpe per i ritardi, in base a non precisati “aspetti organizzativi delle ditte” e “ad una iniziale sottovalutazione delle complessità nell’intervenire in una città come Firenze”. Nonostante le aziende abbiano assicurato la “piena capacità tecnica ed economica” per poter completare le linee della tramvia, le responsabilità sui ritardi sono particolarmente gravi. Ed è proprio quello che sostiene Massimo Sabatini, ex consigliere comunale del comune di Firenze, in un editoriale uscito su La Nazione di ieri, in cui invita Dario Nardella “a cambiare assessore oppure a cambiare ditte responsabili, o meglio ancora, cambiare tutti e due”. Infatti, secondo Sabatini, l’assessore ai lavori pubblici non si è dimostrato all’altezza del suo compito, poichè “non è accettabile che un assessore di Firenze vada a ‘chiedere conto’ alle imprese sui cantieri e che si accontenti di sentirsi ‘riconosciuto il posticipo’ “. In particolare, l’errore più grave di Giorgetti, secondo Sabatini, sarebbe quello di aver concordato una verifica dei lavori, prevista per il 14 Novembre, invece di optare per una serie di controlli a sorpresa. L’amministrazione, in ogni caso, sembra voler confermare la fiducia alle aziende appaltatrici, ma in caso di nuovi slittamenti le aziende dovrebbero iniziare a preoccuparsi, e anche lo stesso Giorgetti.

Volete sapere qualcos’altro riguardo la politica locale o regionale? Allora continua a leggere Oltre il Palazzo!

Credits: Firenze Today (1); Firenze Today (2); La Nazione; articolo di Massimo Sabatini “Dario, sulla Tramvia devi decidere” su La Nazione del 06/10/2014

Top
Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE