Oltre il Palazzo: Nardella trasforma Oltrarno

Nardella, Toc Toc Firenze

Dario Nardella è riuscito ad aggiungere un elemento ulteriore al suo ampio programma di lavori pubblici, andando a “colpire” una zona fondamentale come quella di Oltrarno.

Dario Nardella, Toc Toc Firenze

L’altro ieri il Sindaco ha annunciato il suo piano di riqualificazione della zona, perchè “l’Oltrarno, che è parte del centro, fino ad oggi non è stato nè carne e nè pesce, un’area senza identità che invece vuole recuperare”. E vuole recuperarla attraverso misure radicali, anche se in continuità con le idee e i piani dell’amministrazione Renzi. Infatti, il primo tassello riguarda il programma di pedonalizzazione, tanto caro all’ex sindaco di Firenze. partendo da Piazza del Carmine, che verrà liberata dal transito e dal parcheggio delle auto in via definitiva dal 12 Gennaio (anche se è prevista una sperimentazione per le festività natalizie e per Capodanno), per poi continuare con Piazzale Michelangelo, che richiederà tempi più lunghi (“non oltre il 2015”)L’intera zona di Oltrarno, poi, diventerà una Ztl di livello “A” (esattamente come le altre zone del centro), per cui verrà limitato fortemente il transito delle auto, e sarà attiva “24 ore su 24 nei mesi estivi, da Aprile a Ottobre, in modo da contrastare la movida selvaggia e consentire una vivibilità di qualità”. 

Piazzale Michelangelo, Dario Nardella, Toc Toc Firenze

Il piano prevede, inoltre, accordi commerciali importanti con Google e Amazon a favore delle botteghe degli artigiani, che potranno essere facilmente localizzate tramite il servizio “maps” di Google. Inoltre l’accordo con Amazon permetterà ai commercianti di ampliare l’offerta, consentendo l’acquisto online dei prodotti. Infine le botteghe potranno usufruire della cosìddetta “Lista Bianca”, che permetterà ai clienti di attraversare le Ztl senza incorrere in contravvenzioni. Altri interventi riguarderanno le illuminazioni, che verranno potenziate, e il transito degli autobus. Per quel che riguarda questi ultimi, verranno deviate le linee 36 e 37 dell’Ataf (che si fermeranno a Piazza Tasso, invece che a Porta Romana), mentre verrà garantito l’accesso ai bus turistici, che “non possono essere cacciati. Ma passeranno da Euro 2 a Euro 6”, secondo l’assessore ai lavori pubblici Stefano Giorgetti. E’ difficile dare un giudizio su un progetto del genere, sicuramente Nardella sta attuando un programma coraggioso e dispendioso, alla sua realizzazione dovrà contribuire un controllo attento e sistematico dell’attuazione dei lavori, per non dover incappare in complicazioni simili a quelle avute con i cantieri della Tramvia.

Vuoi sapere qualcos’altro riguardo la politica locale o regionale? Allora continua a leggere Oltre il Palazzo!

Credits: Firenze Today; Firenze Repubblica; Articolo del Corriere Fiorentino del 28/10/2014 di Claudio Bozza intitolato “Nardella, la mossa Salva-Oltrarno”; Articolo de “La Repubblica Firenze” del 28/10/2014 di Ernesto Ferrata intitolato “Piazzale Michelangelo, via le auto dal 2015”

Top
Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE