Pischella lasciva – La posta del cuore di frate Savonarola

Poiché la corruzione della città di Firenze è sì grave, e vanità e lussuria e cupidigia la lordano, i Fiorentini abbisognano di una guida, per ricuperarli alla retta via e alla giustizia. Scrivete a me, frate Savonarola, le vostre domande e i vostri crucci; ed io risponderò, manifestando la Luce che mai non vacilla.

Caro Savonarola, mi chiamo Francesco e sono di Prato. C’è una pischella di Firenze che mi fa ardere il cuore da una settimana. Le ho comprato dei fiori, le ho portato dei dolci, ma ancora non vuole uscire con me. Che posso fare per conquistarla?

Caccia dalla tua mente ogni lussuria, che spesso soverchia el debile intelletto de’ Pratesi; se nel tuo core troverai pie intenzioni, proponiti alla famiglia di codesta fanciulla, acciocché possiate benedire la vostra unione in Cristo. La tua devozione sarà sufficiente a conquistarne il core; e se così non fusse, allora sappi che ella non è pura, e scacciala, ché la sua lascivìa ti farebbe corrotto.

Caro Savonarola, mi chiamo Giulia e ho sedici anni. La prof. di italiano mi ha chiesto di leggere un libro, ma sono indecisa fra Fabio Volo e Baricco. Cosa mi consigli?

Se vorrai risponder bene alla comanda della tua pia maestra, torna a leggere le rivelazioni del profeta Gioele. Se a contrario sceglierai il primo de’ due, fia su di te il gladius Domini, cito et velociter.

Ciao Savo, Mi chiamo Lapo. È appena uscito un altro iPhone ma non c’ho li sordi per comprallo! Come faccio a chiederli a mì madre?

Se bene intendo chi tu sie, lascia in pace la povera tua madre, gravata già di molte cure e molti affanni per l’avere un figlio avido e lussurioso. Ebbene, dici, tu vorresti un certo aggeggio. Io ti dico: tieni Cristo in cuore e vivi parcamente; rifiuta le pompe e le vanità. Così risparmierai e avrai codesta roba.

Caro Savonarola, sono Giacomo, ho vent’anni e vivo a Firenze dall’anno scorso. Il mio coinquilino porta sempre i risvolti ai pantaloni ed è una cosa che mi dà fastidio! Come posso dirlo?

Taci; che il tuo fastidio per quella vanità è a sua volta vanitoso. Abbandona codesti discorsi sulle mode, affidati al Signore e non sodomitare.

Sciao bello, sò sempre quello dell’artra volta. Kome stai? Ke se fa a San Lorenzo sabbato?

Pur non portando memoria della tua persona, tu che scrivi in una così strana maniera, ti ringrazio per el tuo interessamento: Iddio mi dà salute buona. Inoltre, considero che el sabato sie un giorno massimamente adatto alle meditazioni e alle preghiere, e San Lorenzo un luogo condecente.

Caro Savonarola, per domani devo fare un riassunto sul pontificato di Alessandro VI. Potresti aiutarmi? Io devo fare altre mille coseee!!! Ti prego, ti prego, ti prego!!!

Lussuria, corruzione, avidità, degenerazione della Chiesa di Cristo e sodomia, in ogni giorno del suo abominevole pontificato.

Inviate un’epistola elettronica con le vostre domande a ieronimo.savonarola@libero.it!

Non ci resta che piangere

 

Top
Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE