L’ombelico di Firenze e Piazza della Repubblica: un po’ di storia

La colonna dell’Abbondanza o della Dovizia è  l’ombelico di Firenze in quanto situata al centro della città .

Eretta nel 1431 da Donatello ,in pietra serena, la colonna presenta alla sua sommità la statua della Dovizia. Nel XVIII secolo essa, tuttavia, perde il suo posto d’origine a causa dei danni provocati dal tempo e dalle intemperie per essere sostituita dalla statua di Giovan Battista Foggini e riposta presso il Museo Nazionale di San Marco.

4068762937_c928c437c5_z

Ritornerà al suo splendore solo nel 1956, anno in cui ritroverà  il suo legittimo posto in piazza della Repubblica.

Fulcro della vita fiorentina, Piazza della Repubblica è da sempre uno dei simboli più importanti della città.
Una delle caratteristiche della piazza è quella di essere situata nel cuore di Firenze sin dall’epoca romana. Essa si trova precisamente tra il cardus ( strada che va da nord a sud) corrispondente a via Roma, via Calimala e via Por Santa Maria e il decumanus ( strada che va nella direzione est-ovest) corrispondente a via del Corso , via degli Speziali e via degli Strozzi. La piazza ospitava il foro romano.

Arch in Piazza della Repubblica [Firenze, Italy]

Nel Medioevo si assiste ai primi cambiamenti.

Viene ricostruita in forma ellittica e sui resti del foro viene edificato il Mercato Vecchio. La costruzione del mercato contribuisce a rendere la piazza emblema di una delle sfere più importanti della vita cittadina, quella economica,  insieme a piazza Duomo, luogo prediletto per gli affari politici e a Piazza della Signoria , sede della politica e degli affari civili.

Nel 1500 Piazza della Repubblica, simbolo di scambi commerciali e culturali ,si arricchisce di un’altra comunità , quella ebraica. Per volere di Cosimo I, infatti viene trasferito qui  il ghetto ebraico. Alle botteghe, alle torri medievali e alle chiese  si aggiungono tabernacoli e sinagoghe.
Tuttavia questi inestimabili monumenti avranno vita breve ,in quanto  il riassetto del 1800 comporterà la perdita di molti di essi , fatta eccezione per la Loggia del Pesce del Vasari ,trasferita in piazza Ciompi.
Dopo l’Unità d’Italia,nel 1890 viene posizionato in piazza della Repubblica un grande bronzo equestre raffigurante Vittorio Emanuele II,trasferito in seguito  all’ingresso delle Cascine.
Oggi sul lato nord e sud sono ubicati i famosi caffè fiorentini Caffè Gilli, Caffè Paskowski, Caffè delle Giubbe Rosse, nel ‘900 luogo d’incontro di intellettuali e futuristi.

4022458397_24b9efe5d2_z

Sul lato ovest è ubicato il palazzo neorinascimentale di Giuseppe Boccini, che dal 1893 ospita la Fondiaria Assicurazioni. Trovano spazio sempre su questo versante una serie di porticati sovrastati dall’Arco di Trionfo , detto l’Arcone, in stile rinascimentale di Vincenzo Micheli. Vincenzo Micheli progettò in aggiunta l’Hotel Savoy, rispettivamente situato sul lato opposto dell’Arcone.

Piazza della Repubblica non ha mai perso la sua preminenza nella vita fiorentina. Dalla Florentia romana a oggi , continua a essere luogo di incontro  per i  cittadini e gli artisti  e meta immancabile per i turisti.

Top
Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE