La schiacciata con l’uva: dolce compagnia all’avvicinarsi dell’inverno

schiacciata con l'uva, toc toc firenze

“L’è collo zucchero, l’è coll’uva, l’è coll’olio!” tutti rigorosamente toscani, come toscana è lei, la regina povera dei dolci quando le giornate si accorciano.

Il Pan con l’uva, come è chiamata nel Chianti che le ha dato le origini, altrimenti detta in fiorentino Stiacciaha coll’uva, è una specialità tipica delle province di Firenze e Prato, ma diffusa anche in Maremma, dove è nominata Schiaccia con l’uva e in gergo stretto Schiaccia Briaha.

Non esiste un’unica ricetta, ogni territorio, se non ogni famiglia, aggiunge un ingrediente alla formula classica: alcuni aggiungono all’impasto dei semi di anice sfumati nell’olio, altri un soffritto aromatizzato con rosmarino oppure con strutto e zucchero . Anche la composizione in teglia fa discutere, ma la vena polemica dei fiorentini è risaputa e il passo dalle torri (nelle dispute tra guelfi e ghibellini) alle cucine è breve.

 schiacciata con l'uva, toc toc firenze

Le scuole di pensiero sono essenzialmente due: c’è chi sostiene che la schiacciata con l’uva sia fatta da un solo strato di pasta coperto di chicchi d’uva e chi invece si batte per un secondo strato di pasta, più sottile del primo, disteso sopra e poi cosparso con altri acini e zucchero.

In entrambe le versioni, resta inconfondibile la sensazione legata al primo assaggio. Assaporare il sapore dolce dell’uva che si scioglie nello zucchero e si unisce al tocco leggermente salato della pasta da pane e sentire i semini degli acini scricchiolare sotto i denti, mentre la salsa zuccherina color viola si scioglie in bocca, è un’esperienza che non coinvolge solo il palato, ma anche olfatto, vista, tatto e udito.

 schiacciata con l'uva, toc toc firenze

Purtroppo il suo profumo, che al mattino usciva dalle finestre delle case e dai forni, è sempre più raro da intercettare passeggiando per la città e le vetrine delle pasticcerie più rinomate non sempre lo hanno nel menù, tanto meno i ristoranti, a causa della sua particolare lavorazione e per la difficoltà a reperire l’uva canaiola, una varietà dai chicchi piccoli e con molti semi, che si caratterizza per la sua naturale dolcezza e che conferisce alla schiacciata con l’uva quella speciale morbidezza, impregnandola degli umori naturali del mosto.

 schiacciata con l'uva, toc toc firenze

Tra gli indirizzi dove cercarla senza dubbio il Forno Pugi per una versione soffice e sottile, la Pasticceria Giorgio e la panetteria La Pagnotta. All’interno del mercato di Sant’Ambrogio, il panificio Il Chicco di Grano è una vera istituzione per la versione con doppio strato di pasta e un generoso ripieno d’uva, mentre per una variante più ricercata è obbligata una sosta al Forno Garbo, in zona Careggi, aperto anche la domenica, punto di ritrovo per studenti universitari, ma anche ragazzi e bambini per la particolarità dei suo dolci.

Firenze si conferma dunque culla di artigiani, pittori, poeti e buongustai!

 

Credits: Ciberia, fiorentininelmondo

Top
Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE