Sconvolgimento – La bottega di Calliope

Sfida quanto meno curiosa e complicata per gli scrittori dell’EsseCìEffe questa settimana. Oggi viene chiesto di descrivere uno sconvolgimento, di qualsiasi natura, ma con uno stile ermetico. Insomma ci siamo trovati a non utilizzare quei grandi giri di parole e i numerosi aggettivi che spesso si riscontrano nei nostri racconti.
Una challenge, come le chiamiamo noi, non affatto semplice, ma il gruppo di scrittura serve proprio a questo, a metterci alla prova continuamente.
Ci saremo riusciti?

Alice e il Brucaliffo

“Ma vede, Signor Brucaliffo, io non so bene cosa sono.
Cioè, stamattina lo sapevo, ma poi sono cambiata talmente tante volte che…”
“Non è importante tanto sapere cosa sei, quanto chi sei”.
“Bene. So che mi chiamo Alice e stamattina in giardino stavo seguendo un coniglio bianco, quando ad un tratto…”
“Non hai capito ragazzina.
Passi con tanta facilità dal definire il chi sei al quando sei al dove sei, non mi stupisce che tu perda te stessa in mezzo a un tale casino”.
“Ma Signor Brucaliffo, il mio problema è proprio questo: non so nemmeno dove sono, perchè ho perso la mia stada”.
“Mia di chi? non sai nemmeno chi sei…”

Autrice: Emma Bizzarri

Analogia

Svaniscono
i sogni
e le stelle.

Irradia
il sole,
le palpebre

Autrice: Monica Ricci

Natura

  • Paura ed ammirazione
    il cielo che si infiamma d’un rosso
    mai visto,
    d’improvviso buio
  • Piove, batte l’acqua sul tetto.
    Oltre la soglia d’umano errore,
    distruggendo ciò ch’è d’umana mano.

Autore: Matteo Mazzoni

Vuoi leggere altri racconti e poesie? Allora scopri le altre opere della Bottega di Calliope!

Credits: Marco Crupi

Top
Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE