Lo stadio Artemio Franchi di Firenze: passato, presente… e futuro?

stadio artemio franchi

Lo stadio Comunale di Firenze, oggi noto come Artemio Franchi, è il luogo di culto (laico) di una parte di città molto consistente: i tifosi della Fiorentina.

Un po’di storia

Situato nel quartiere Campo di Marte, è stato costruito nel 1931 per volere del marchese Luigi Ridolfi, primo presidente della squadra gigliata, ed è un importante esempio di architettura, pieno di elementi innovativi e rivoluzionari per l’epoca.

La storia del Franchi non è fatta solo dalla sua costruzione e particolarità architettonica, ma dalle gesta degli atleti che hanno calcato il manto erboso, da sempre uno dei migliori in Europa, e dagli eventi che ha ospitato nella sua lunga vita.

Dai mondiali di calcio disputati in Italia nel 1934 e 1990, alle vittorie della Fiorentina in campo nazionale ed internazionale, ai numerosi concerti di artisti di tutto il mondo, a partire nel 1973 con Elton John, per proseguire con Patti Smith e i Clash, David Bowie e Bruce Springsteen, solo per citarne alcuni.

stadio artemio franchi

L’architettura

I tratti distintivi dell’impianto sono principalmente la pensilina che copre la tribuna centrale, le scale elicoidali per l’accesso alle gradinate, e la torre di maratona che, con i suoi 75 metri, è la quinta struttura più alta della città.

Le cronache dell’epoca ci dicono che il pubblico rimase assai colpito nel vedere la pensilina in cemento armato che si sosteneva senza il bisogno di colonne, le scale elicoidali donavano movimento e leggerezza all’intera costruzione, e la torre di maratona simboleggiava lo spirito di competizione e resistenza degli atleti.

Particolare non da poco: lo stadio ospita al suo interno il sacrario in onore dei Martiri del Campo di Marte, i cinque giovani fucilati il 22 marzo 1944 da parte dei militari della Repubblica Sociale Italiana, con accusa di renitenza alla leva della RSI. Ogni anno, a pochi metri dalla Torre di Maratona, viene celebrato il ricordo delle giovani vittime.

stadio artemio franchi

La Curva Fiesole

Quando si parla dello Stadio Artemio Franchi di Firenze è impossibile non citare la Curva Fiesole, cuore pulsante del tifo fiorentino da sempre. Tanto colore, cori e coreografie emozionanti (una su tutte quella del 1991 in cui fu ricreato il panorama della città) da sempre sostengono la squadra Viola in ogni sua apparizione.

Un nuovo stadio per Firenze?

Nonostante il restyling effettuato nel corso degli ultimi anni, che ha riguardato soprattutto l’eliminazione delle barriere fra spalti e campo da gioco, oltre che il rifacimento della tribuna coperta che oggi ha un aspetto all’inglese, con i posti a sedere a ridosso del campo, da tempo in città si parla di uno stadio nuovo.

Era il 2008 quando la famiglia Della Valle presentò un primo progetto per il nuovo stadio, ma solo oggi l’obiettivo sembra veramente raggiungibile. Il Comune ha individuato l’area predisposta ( zona Mercafir a Novoli) e sta aspettando che la Società Viola presenti un nuovo progetto.

stadio artemio franchi

A detta di molti il 2014, o al massimo il 2015, potrebbe essere l’anno buono per veder sorgere a Firenze un nuovo stadio, che risponda alle nuove esigenze del pubblico, che dia opportunità di lavoro, e che permetta al vecchio e glorioso Artemio Franchi di andare in pensione.

Top
Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE