Ecco come la Tramvia rivoluzionerà la zona della Fortezza

La costruzione della Tramvia porterà in città molti cambiamenti, e tra questi il più importante riguarda la zona della Fortezza, sia nel bene (la situazione definitiva) che nel male (i cantieri).

Mappa Milton-Strozzi piccola

Sappiamo bene che la Linea 3 della Tramvia fiorentina raggiungerà la Stazione passando intorno alla Fortezza. È ovvio, però, che l’importante mole di traffico (direttrice Libertà-Lavagnini-Strozzi-Belfiore) sarà intersecata dal tram che viene da via dello Statuto e che deve riuscire ad arrivare davanti alla vasca del giardino della Fortezza, per proseguire poi in piazza Bambini e Bambine di Beslan e quindi in via Valfonda.
Che soluzione è stata pensata, quindi, per evitare che un semaforo che si accenderebbe almeno ogni 150 secondi interrompa uno dei più importanti flussi di traffico di tutta la città?

Il progetto esecutivo della Linea 3 prevede che all’incrocio tra viale Milton e viale Strozzi sarà costruito un sottopassaggio per le macchine, con due ingressi separati ed una sola uscita. La Tramvia invece starà sopra, dove ci sarà la fermata Strozzi in mezzo ad erba e siepi in un luogo in cui oggi c’è una grossa distesa di asfalto.

/Users/filippo/Documents/Tramvia/Progetto/L2-L3.dwgEstratto dal progetto: l’inquadramento della zona della Fortezza (click per ingrandire)

Vediamo però nel dettaglio in cosa consiste tutto ciò.

Il tram della Linea 3, dopo piazza Bambine e Bambini di Beslan, sarà addossato al giardino della Fortezza. Gli girerà intorno per poi, all’altezza di via Lorenzo il Magnifico, andare dritto verso il Ponte dello Statuto e verso Rifredi, non prima di aver fatto una fermata. In tutto questo, le auto passeranno sottoterra attraverso un doppio sottopassaggio carrabile.

Canna Milton-Strozzi

Nell’ultimo tratto di viale Milton, una cinquantina di metri dopo l’incrocio con via Leone X, la situazione per le macchine rimarrà più o meno come oggi, nel senso che ci sarà uno spartitraffico per cui se si andrà a sinistra si potrà proseguire dritti e scegliere, all’incrocio con viale Strozzi, se andare verso lo Statuto o salire sulla Rampa Spadolini.
Se, invece, ed ecco la novità, si rimane a destra dello spartitraffico, inizierà la discesa del sottopassaggio che porterà le auto fino ad una profondità di circa 6 metri per superare da sotto la Tramvia ed risbucare, ovviamente dopo una salita, in mezzo a viale Strozzi (all’altezza dell’autovelox). Il sottopassaggio avrà 2 corsie e sarà lungo 300 metri (rampe comprese), per uno sviluppo sostanzialmente dritto.
L’unica differenza rispetto a come siamo abituati è che venendo dallo Statuto non si potrà entrare direttamente in viale Strozzi: si dovrà quindi fare la Rampa Spadolini e scendere in fondo prima della ferrovia.
In viale Milton verranno persi i posti auto, ma non nell’area di sosta in corrispondenza del ponte dello Statuto, che verrà rivista ma non eliminata.

Strozzi 3Rendering: la Linea 3 alla fermata Strozzi. Alle spalle, il Ponte dello Statuto

Canna Lavagnini-Strozzi

Non è finita qui, perché un altro sottopassaggio verrà costruito sempre in viale Strozzi, subito dopo l’incrocio con viale Lavagnini (cioè davanti alla vasca del giardino della Fortezza). Qui comincerà una rampa che porterà le auto sempre alla stessa profondità, curverà verso sinistra (sopra c’è sempre la fermata della Tramvia) e terminerà accanto all’altro. Anche questo avrà una lunghezza di circa 300 metri (rampe comprese) ed sarò sempre a 2 corsie.
C’è da specificare che i due sottopassaggi saranno sempre separati fino a che non termineranno le rampe d’uscita: non sarà possibile quindi passare dall’uno all’altro mentre si è sottoterra.
Per le auto cambierà poco: infatti, alla fine del viale Lavagnini sarà obbligatorio, come oggi, girare a destra. Se ci si tiene sulla sinistra, cioè in mezzo a viale Strozzi, si imbocca il sottopassaggio per andare verso viale Belfiore; se invece si rimane sulla destra sarà possibile andare verso lo Statuto o prendere la Rampa Spadolini. L’unico cambiamento rispetto ad oggi si avrà venendo da via Lorenzo il Magnifico, alla fine della quale sarà obbligatorio girare a destra e non si potrà prendere il sottopassaggio (l’alternativa per chi è in via Lorenzo il Magnifico è andare in viale Milton o in viale Lavagnini).

Strozzi 1Rendering: l’uscita dei due sottopassaggi in viale Strozzi, direzione Belfiore (alle spalle)

Sopra il sottopassaggio

Con le auto sistemate sottoterra, a cielo aperto ci sarà soltanto la Tramvia, che farà la sua fermata in mezzo a quello che ad oggi è il più grosso e trafficato incrocio della città (dopo Porta al Prato). Intorno alla fermata nascerà un’area verde dotata di siepi e aiuole (non alberi perché manca la profondità): praticamente il giardino della Fortezza sarà il 25% più grande e si estenderà a nord-est fino alla fine di viale Milton.

Fortezza grossolano 4Rendering: una sorta di foto aerea che mostra come sarà la nuova area verde di viale Strozzi (click per ingrandire)

Un’opera così importante comporta, ovviamente, lavori importanti. Il cantiere è il cantiere A della Linea 3, ed è infatti il cantiere più grosso e più lungo di tutte e due le linee in costruzione. I lavori sono già partiti (la fase 2 è iniziata alla fine del 2014) ed hanno avuto come conseguenza la chiusura del Ponte dello Statuto e l’apertura del Ponte Bailey provvisorio. Salvo questa (grossa) modifica, i lavori verranno svolti garantendo sempre la circolazione delle auto: viale Strozzi non sarà mai chiuso.
Il termine dei lavori è previsto per la fine del 2017.

Ti interessa tenerti informato sulla tramvia fiorentina? Segui la nostra rubrica e scopri tutti i segreti delle rotaie fiorentine!

Top
Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE