Verità e falsità sulla Tramvia allo Statuto

Una breve rassegna su cosa è vero e cosa è falso sul passaggio della Tramvia in via dello Statuto, la zona più calda di tutto il progetto.

 

Mappa Statuto

La Linea 3 della Tramvia di Firenze è quella che collega l’ospedale di Careggi con Scandicci, diventando Linea 1 alla Stazione. Come è noto, passerà da via dello Statuto, la zona dove il clima è più teso e dove, forse, è richiesto il più grosso sacrificio.
Di via dello Statuto si parla tanto, leggendo ovunque informazioni, senza preoccuparsi che siano vere o false: vediamo quali sono le certezze sul passaggio della tramvia in questa zona della città.

Inquadramento

La Tramvia in via dello Statuto passerà centralmente, con le automobili a destra e a sinistra, in una corsia per senso di marcia. A dire il vero, andando verso piazza Muratori, la sede tranviaria non sarà perfettamente centrale, ma spostata leggermente sulla sinistra. Il motivo è semplice: la corsia di destra, cioè quella che va verso Careggi, sarà più larga, per permettere facilmente il passaggio delle ambulanze.
Andando più nello specifico, sebbene la larghezza dei marciapiedi sia variabile (da 2 a 3 metri), le larghezze delle corsie saranno fissate a 3.50 m per quella in direzione centro e 5.00 m per quella in direzione Careggi (banchine comprese).
I posti auto verranno persi.

Alberature

La Tramvia, come detto, passerà centralmente, e questo comporterà l’abbattimento dei 12 lecci oggi presenti (risalenti agli anni ’30). La sede tranviaria in totale sarà larga circa 9.50 m; è una larghezza notevole perché ai 7 metri standard se ne aggiungono 2.50 in cui saranno piantati dei nuovi alberi, tra un binario e l’altro.

Via dello Statuto fine anni 30Via dello Statuto alla fine degli anni ’30 con i lecci piantati da pochi anni

Il leccio sarà sostituito dal carpinus betulus pyramidalis fastigiata, una varietà di carpino con una chioma conica a potatura alta sul tronco, più adatto per il passaggio del tram.
I nuovi carpini saranno 16 (8 tra viale Cadorna e via delle Cinque giornate; 8 tra via della Cernaia e via Puccinotti), e non saranno i soliti alberini, ma verranno piantati con un’età di 10 anni, per limitare l’impatto visivo e perché la loro chioma non interferisca con la linea elettrica di alimentazione.

Statuto - alberatureRendering: la tramvia in via dello Statuto, nel tratto Cernaia-Puccinotti.
Gli alberi sono da intendersi a 10 anni dalla piantumazione (quindi a 20 anni di età).

Fermata

In via dello Statuto ci sarà una fermata, lunga, come tutte le fermate, 42 metri (un tram è lungo 32), e sarà di fronte alla gelateria. La banchina della fermata, alta 30 cm, sarà centrale, tra un binario e l’altro, motivo per cui dove c’è la fermata non potranno esserci alberi.

Statuto - fermataRendering: la fermata Statuto tra via della Cernaia e via delle Cinque Giornate

Pali

Per quanto riguarda l’alimentazione, la Tramvia è alimentata da fili elettrici solitamente sorretti da cavi ancorati a pali. In via dello Statuto però questi pali non ci saranno, perché i cavi che reggono la linea elettrica saranno agganciati agli edifici, come avviene per la Linea 1 in via Iacopo da Diacceto.

Iacopo da DiaccetoVia Iacopo da Diacceto oggi, con i cavi attaccati agli edifici.

Sottopasso ferroviario

La Linea 3 passerà sotto la stazione Firenze Statuto, cioè nel sottopassaggio della ferrovia che c’è tra via dello Statuto e piazza Muratori. Il tram viaggerà al livello della strada, però le corsie affiancate alla sede tranviaria non saranno due come altrove, ma soltanto una in direzione Careggi, larga 4.65 m. Le auto che provengono da piazza Viesseux in direzione Fortezza dovranno passare da via del Romito, precisando che con tutta probabilità sarà invertito il senso di marcia di via Giuseppe Richa e di viale Cadorna.
Sul sito del Comune è uscito, diversi anni fa, un rendering che illustrava la Linea 3 secondo il vecchio progetto, prima che venisse revisionato: la vecchia soluzione prevedeva che nel sottopasso ferroviario ci fosse solo la Tramvia, con la fermata in mezzo senza corsie per le automobili. Questa immagine, se riferita al progetto esecutivo della Linea 3, è falsa, e non merita credito.

Statuto non veroRendering: la Linea 3 in via del sottopasso ferroviario. È un rendering relativo al progetto prima che fosse revisionato, pertanto non più attendibile.

Ponte sul Mugnone

Il ponte sul Mugnone tra via dello Statuto e viale Strozzi dovrà essere chiuso, perché necessita di un adeguamento strutturale per permettere il passaggio del tram: l’alternativa è il ponte Bailey che è stato costruito tra via Crispi e via Leone X, un ponte che, assieme al doppio senso di via XX Settembre nel tratto Statuto-Crispi, faciliterà la mobilità durante i lavori.

Ambulanze

Come detto, le ambulanze verso Careggi avranno una corsia di 5 metri in cui le automobili potranno accostare per far passare i mezzi di soccorso. Quello che però è necessario capire è che l’ambulanza potrà viaggiare sui binari della Tramvia, che in via dello Statuto (e così quasi ovunque) saranno a livello della strada, senza barriere insormontabili, perché in prossimità degli incroci non ci saranno cordoli di separazione (che ogni veicolo è comunque in grado di oltrepassare). Inoltre, il tram è un mezzo guidato a vista, per cui l’autista può (deve) rallentare o addirittura fermarsi per far passare i mezzi con le sirene.

Cantieri

Il cantiere per i lavori al ponte sul Mugnone è il cantiere A della Linea 3 (Milton-Strozzi), in particolare dalla fase 2 alla fase 5. La chiusura del ponte è prevista per i primi mesi del 2015 e durerà più di 2 anni.
In via dello Statuto si ha il cantiere B1 relativo alla sistemazione del sottopassaggio ferroviario (che sarà chiuso per 8 mesi) e il cantiere B2 per i lavori tra viale Cadorna e via XX Settembre.

Ti interessa tenerti informato sulla tramvia fiorentina? Segui la nostra rubrica e scopri tutti i segreti delle rotaie fiorentine!

Top
Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE