Treedom: la start-up fiorentina che pianta alberi per ridurre l’inquinamento

Come rispettare l’ambiente?

Fate la raccolta differenziata, usate i mezzi pubblici, chiudete il rubinetto mentre vi lavate i denti… Ma qualcuno vi ha mai consigliato di piantare un albero a distanza?

Anche questa è una soluzione, ma poco nota.Per realizzarla è nata Treedom, start-up “made in Florence.

L’attività della giovane azienda (perché fondata nel 2010 da ragazzi under 30) si basa su considerazioni molto semplici.

Ognuno di noi quotidianamente contribuisce a produrre CO2: nell’accendere la luce, nel cucinare, nell’utilizzare la macchina… Ma l’anidride carbonica viene assorbita dalle piante, che, col processo di fotosintesi, la trasformano in ossigeno e zuccheri.

L’ossigeno viene immesso nell’ambiente e così neutralizza l’inquinamento umano.

Treedom, toc toc firenze

Tutto ciò avviene grazie alla natura. Oltre a ciò, grazie a Treedom, aziende e privati possono calcolare il proprio impatto ambientale e ridurlo piantando alberi. Ma non è tutto qui: le piante non sono virtuali come su Farmville, ma possono essere rintracciate grazie alle coordinate GPS e seguite nella crescita online. Non a caso il nome della start-up ricorda la parola “freedom”: infatti, l’area in cui vengono seminati gli alberi è quella del Sud del mondo, per aiutare non solo l’ambiente, ma anche le persone. Così, nei Paesi in via di sviluppo, i contadini locali coltivano le piante e hanno accesso ai frutti.

Treedom, toc toc firenze

Treedom opera anche in Italia, collaborando con Libera nel curare le terre confiscate alla mafia.

Per quanto riguarda le aziende, gli alberi possono essere acquistati e anche regalati: a clienti, dipendenti, partecipanti ad eventi per le aziende. Come ha già fatto, tra i tanti, H&M, che lo scorso Natale ha regalato alberi ai dipendenti.

La filosofia di Treedom ha coinvolto Jovanotti, che ha reso CO2 neutral il suo Ora Tour 2011.

Lo stesso cantante ha spiegato:

“il progetto è molto bello e consiste nell’azzeramento della CO2 prodotta in ognuno dei miei concerti. E’ una bella attività di mercato e coscienza, attività che devono procedere parallelamente”.

Ovviamente, infatti, dimostrando responsabilità ambientale, le aziende hanno un positivo ritorno in termini di immagine e di “vantaggio competitivo”.

Se non si è dirigenti aziendali o star, si può comunque comprare e regalare alberi (a partire da 5 euro).

Treedom, toc toc firenze

Per esempio, Elena e Filippo raccontano:

“ci siamo sposati a gennaio e abbiamo scelto di regalare ai nostri invitati alberi piantati in Senegal perché il ricordo di quel giorno rimanga immortale”.

Il romanticismo è un elemento fondamentale della start-up, che, a Giugno, ha dato parola a 1200 alberi della nostra città, su cui sono stati appesi cartelli con la scritta “Free Hugs. Così i fiorentini potevano abbracciare le piante per ricambiare l’affetto che esse ci danno ogni giorno.

Insomma, la risoluzione dell’urgenza ambientale è più convincente se supporta il mercato aziendale.

Ma un pizzico di amore per il pianeta e per le comunità più povere rende la ricetta ancor più proficua.

Perché “chi getta semi al vento, farà fiorire il cielo!”.

Credits: daveynin, chettah100cliff1066™, Ella’s Dad

Top
Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE