PopCafé di Firenze, in occasione del vernissage di EcoMato, siamo andati per capirne di più su questo ecodesign di cui tutti parlano.

La location è il Pop Café di Firenze

Uno dei locali più frequentati da chi, oltre ad un gin tonic ben mescolato, ama concendersi un momento di connessione culturale e profondamente artistica con la Firenze contemporanea; una chicca della nostra amata Piazza Santo Spirito, che troppo spesso viene annoverata negli elenchi dei dieci posti cittadini dove sedersi se si è alzato oltremodo il gomito.
Arrivati al Pop l’atmosfera è subito interessante, le luci rosate riflettono sul bianco del bancone e delle pareti, la musica è perfetta, il locale è pieno.
Riconosciamo la lampada dal richiamo fortemente Picassiano e in un attimo ci sembra di essere in uno di quei locali che scopri per caso, mentre sei in vacanza, dove ogni dettaglio è curato e l’unica cosa che riesci a chiederti è perché un posto così, nella tua città, non ci sia.

PopCafé di Firenze, Toc Toc Firenze

… il Vernissage di EcoMato

Sedili di auto d’epoca sono poltrone dalla comodità inaspettata, lamine metalliche si fanno tavolini e panchetti matrioska, tutti guidati  dall’intensa luce del tubolare, un tempo, ciclabile.
Emozionati ci sediamo e per un attimo ci coglie l’impressione di trovarci accanto ad  un nonno che guida in direzione della casa in campagna, ed è di questo che parliamo con Luca ossia uno dei designer EcoMato.
Parliamo di passione è una parola che ripete spessissimo e in modo molto serio. Mi dice che la passione è il motore che origina tutto il processo di creazione e riqualificazione dell’oggetto, e ancora prima, è la passione che l’oggetto riesce a suscitargli che gli permette di sceglierlo come prossimo pezzo EcoMato.
Nello spazio che esiste tra la domanda di una necessità e l’acquisto di un oggetto nuovo, gli EcoMato scovano, è proprio il caso di dirlo, la soddisfazione della richiesta nelle forme e nei materiali già esistenti; che si tratti del banco di un rigattiere di provincia o dei resti destinati al Quadrifoglio di una cantina svuotata, tutto è lecito se riutilizzato con cognizione.
L’eco design attualmente sta godendo di una visibilità mediatica senza precedenti, EcoMato però non è un’operazione di tendenza, è un vero e proprio approccio nuovo al rapporto tra uomo, realtà dell’oggetto e habitat circostante.

PopCafé di Firenze, Toc Toc Firenze

In questa era di celebrazione del nuovo, è sempre bello veder brillare gli occhi di qualcuno che riconosce la memoria, anche di un oggetto, come un valore aggiunto e non un vecchio peso.
Sedersi su l’ennesima nuova sedia di design scandinavo sarà bellissimo ma accomodarsi su una seduta in grado di risvegliare in voi i ricordi di un passato sereno è un’esperienza che consigliamo a tutti di fare, perché da oggi, quel tipo di locale, che scopri per caso, mentre sei in vacanza, dove ogni dettaglio è curato è proprio sotto casa.

Artigianato, innovazione e design a Firenze sono di casa, scopri subito tutti i loro segreti!

Credits: EcoMato design ; EcoMato design

Partecipa alla discussione!

Potrebbe interessarti anche

move job, toc toc

mOve Job: lo sportello per i giovani che cercano lavoro nella piana fiorentina

“Giovani in movimento”, è questo lo slogan di mOve job, il nuovo sportello informativo, ...

Valdarno il sabato sera: cosa fare?

L’inverno sta arrivando, direbbe qualcuno, e insieme alle temperature diminuiscono anche le idee per ...

cecco e cipo, toc toc firenze

Cecco e Cipo: dai palchi di Firenze e provincia a X Factor 8

Conosciamo Cecco e Cipo, al secolo Simone Ceccanti e Fabio Cipollini, rivelazione dell’ottava edizione ...

  • Commenti