Tutti gli uomini della Fiorentina: 12 anni di allenatori

Sampdoria-Fiorentina, Toc Toc Firenze

Da quando nell’estate del 2002 la famiglia Della Valle ha comprato la Fiorentina, sulla panchina si sono succeduti nove allenatori: alcuni alle prime armi e alcuni al loro ultimo incarico in carriera.

 Il periodo dopo il fallimento

Il primo allenatore ad essere messo sotto contratto dalla Florentia Viola (questo il nome assunto dalla società dopo il fallimento) è stato Pietro Vierchowod, ex giocatore di alto livello che aveva militato anche nella Fiorentina, ma allenatore alla sua seconda esperienza dopo una sola annata (conclusa con un esonero) in C1 al Catania.

Il compito del tecnico bergamasco è di costruire in fretta una squadra e portarla alla vittoria del campionato di C2.

Purtroppo per gli scarsi risultati ottenuti nelle prime giornate, la dirigenza è costretta a rimuoverlo dall’incarico per affidare la squadra ad Alberto Cavasin, che riesce a trovare il giusto equilibrio e porta la Fiorentina al primo posto in classifica.

Anche nel corso di questa stagione (2003-2004) vede un avvicendamento in panchina, con Cavasin che lascia la squadra a Emiliano Mondonico nel mese di Febbraio al 14° posto in classifica.

fiorentina

La serie A

Il Mister lombardo, da sempre tifoso della Fiorentina, compie un vero miracolo portando la squadra gigliata fino al sesto posto finale, con la possibilità di giocarsi lo spareggio per la Serie A contro il Perugia. Le due gare saranno piene di pathos, con la Fiorentina che si aggiudica il doppio scontro festeggiando il ritorno nella massima serie in un Franchi gremito e festante.

Per il ritorno in serie A la dirigenza mette a disposizione degli ottimi rinforzi, fra cui Tomas Ujfalusi, Fabrizio Miccoli e Martin Jorgensen, ma i risultati tardano ad arrivare e dopo poche partite il feeling fra Mondonico e la Società viene a mancare, con successivo esonero dell’allenatore che viene rimpiazzato da Sergio Buso, fino a quel momento preparatore dei portieri.

La stagione continua ad essere difficile per la Fiorentina, complici anche arbitraggi a dir poco sfavorevoli, e la squadra viene affidata ad un allenatore di lunga esperienza, Dino Zoff.

fiorentina

La Fiorentina post – Calciopoli

A guastare l’euforia della stagione successiva interviene Calciopoli, che con le sue sentenze non permetterà alla Fiorentina di partecipare alla Champions League per due anni, pur avendola conquistata sul campo.

Sotto la guida di Prandelli la Fiorentina si mette in mostra anche in campo internazionale, dove raggiunge la semifinale di Coppa Uefa, eliminata ai rigori, e dove conquista importanti vittorie in Champions League contro avversari prestigiosi, come le due partite vinte col Liverpool.

fiorentina

Le due stagioni successive hanno visto avvicendarsi alla guida della Fiorentina Sinisa Mihajlovic e Delio Rossi.

I punti di contatto fra i due allenatori sono gli scarsi risultati, le brutte partite e il progressivo disamoramento dei tifosi verso una squadra che non riconoscevano più come propria.

Per riportare entusiasmo e bel giochi all’interno del Franchi, nel Giugno del 2012 arriva un tecnico alle prime esperienze ma con un grande passato da calciatore: Vincenzo Montella. Col suo arrivo viene rivoluzionata anche la squadra, e il tecnico riesce a stupire tutti con il bel calcio giocato dai gigliati e con gli ottimi risultati. È anche l’allenatore della prima finale dell’era Della Valle, ma con un clima surreale dovuto alle intemperanze dei tifosi avversari, la squadra non riesce ad aggiudicarsi la Coppa Italia contro il Napoli.

fiorentina

Quella che sta per iniziare è la sua terza stagione, e tutti si augurano che finalmente la Fiorentina possa tornare ad alzare un trofeo.

Top
Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE