Biblioteca Thouar: antica ma non vecchia

Biblioteca Thouar, toc toc firenze

Oggi parliamo dello “scrigno” che si trova nell’Oltrarno storico, la biblioteca Thouar.

Di biblioteche a Firenze se ne trovano una grande varietà. E’ molto interessante sapere che la parola biblioteca in greco è composta da βιβλίον (biblíon, “libro”, “opera”) e θήκη (théke, “scrigno”, “ripostiglio”).  La biblioteca Pietro Thouar è la più antica tra le biblioteche decentrate comunali fiorentine, fondata nel 1914, ormai può vantarsi di avere cento anni alle spalle.

Riesce a intrattenere, con niente di meno di 30.000 unità tra libri e materiale multimediale , sia adulti, sia i più piccoli. Riesce a soddisfare gli amanti della lettura in lingua originale, fornendo un sostanzioso numero di libri in lingua inglese e spagnola. E per gli storici? Certo che c’è qualcosa anche per loro! La biblioteca conserva il fondo originario della Biblioteca con le acquisizioni dal 1914 al 1944.

Il trasferimento

Nel gennaio 2015 la biblioteca è stata trasferita dai locali di Palazzo Guadagni, presso piazza Santo Spirito ai locali delle Ex-Leopoldine in piazza Torquato Tasso. La biblioteca avrebbe cambiato sede per motivi di ampliamento e di riutilizzo delle Leopoldine. C’è stato non poco malcontento tra i residenti del quartiere di Santo Spirito riguardo la delibera del trasferimento, affermando che il rione è fatto anche di cultura e socializzazione, non solo di locali, minimarket e di movida; spaventati sempre più dall’ “abbandono” di molti servizi comunali nel quartiere.

La nuova sede

Nella nuova sede è presente anche un chiosco, circondato da un prato verde che predilige l’incontro con le altre persone; ricordando che vivere la biblioteca in solitario è viverla a metà.

Le ‘case del libro‘ riescono a offrire tanto a ogni persona, ed ognuno detiene un “Biblioteca Thouar”. Esse sono di tutti. In cambio invece a ciascun cittadino viene di richiesto comportarsi come se fosse davvero sua, semplicemente rispettando le poche regole in vigore.

Biblioteca_Pietro_Thouar_02

Questo concetto viene riassunto con un divertente motto inventato sia per i più piccoli, sia per gli adulti inadempienti: T(ho)UAR – YOU ARE, per ricordare che ogni cittadino lettore contribuisce all’identità della propria biblioteca.

L’entrata principale della biblioteca è dal numero civico 3. All’entrata si trova l’accoglienza, dove chiedere informazioni. Il percorso attraverso la biblioteca continua con un disimpegno che conduce all’emeroteca dove è possibile consultare i giornali e usufruire di alcuni computer dedicati al  servizio MediaLibraryOnline (la biblioteca digitale). Sempre al piano terra seguono due sale di lettura e la sala multimediale. Entrando nel chiostro si accede alla Sezione Ragazzi e Giovani adulti, una zona suddivisa in cinque stanze, a seconda delle fasce di età, con arredamenti adatti ai piccoli.

L’altana, collocata al 3° piano oltre a rappresentare un luogo dove potersi gustare a pieno il panorama fiorentino riveste il duplice ruolo di sala conferenze e sala studio. Nell’altana è conservato il Fondo storico della biblioteca e parte del materiale di consultazione.

 

 

Credits: 055Firenze, Wikipedia

Top
Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE