Che facciamo questa domenica? Lo sport alternativo!

Siete fra amici, è Domenica e non avete voglia di fare le solite cose? Che ne dite di passare in maniera differente la giornata?

Vi proponiamo il Paintball, lo sport  “alternativo”!

COME SI GIOCA

Il Paintball è uno sport in cui, armato di “marker” (strumento ad aria compressa simile al fucile), devi impegnarti a colpire l’avversario, sparandogli contro delle palline di gelatina. Egli sarà intento a fare lo stesso, mentre tu corri e ti disimpegni, cercando di ripararti dietro le strutture gonfiabili posizionate sul campo di battaglia. Se uno dei giocatori viene colpito, ovvero macchiato dalla vernice colorata delle palline, automaticamente è eliminato e dunque deve lasciare il campo di gioco per un tempo prestabilito.

paintball 6

NELLA NOSTRA CITTÀ

Anche a Firenze esiste un campo per questo sport: si trova nell’area del “Florentia Sporting Club” (vicolo del Cionfo 4/a), dove viene praticata la variante completamente sportiva del Paintball (lo “Speedball“), anche se tra poco si trasferirà in zona San Donnino. Qui i giocatori indossano delle tute colorate (simili a quelle usate per le moto da cross) e si sfidano all’interno di un’area grande 46×36 metri, al cui interno si trovano 44 ripari gonfiabili. Naturalmente, la sostanza con cui vengono macchiati i giocatori colpiti non è semplice vernice, ma si tratta di un colorante facile da pulire e non tossico.

T

PER INIZIARE

Come si fa a giocare? Semplice! Basta recarsi al campo di gioco muniti di un documento d’identità e di una sua fotocopia, dopodiché dovrete compilare il modulo d’iscrizione per il CSEN (Centro Sportivo Educativo Nazionale) e pagare la quota richiesta. Si può giocare dai 14 anni in su. Dovrete fare un po’ d’attenzione all’abbigliamento: la soluzione ideale sarebbe se portaste con voi una maglia a maniche lunghe, magari un paio di “pantalonacci” che non usate di solito, una bandana o qualcosa che eviti la possibilità di imbrattarsi i capelli ed, infine, un paio di scarpe da ginnastica. Sul campo, invece, provvederanno a dotarvi di maschera di protezione, pettorina, guanti a “mezzo-dito”, una protezione per il collo e l’attrezzatura per il gioco.

large

Per maggiori informazioni consultate il sito del Paintball di Firenze e Prato!

Il Paintball è uno sport riconosciuto dal CONI, a differenza di altre pratiche ludico-sportive che, invece, assomigliano molto di più a simulazioni di guerra. L’esempio più famoso può essere il “Softair“: in questo caso, vengono simulate vere e proprie azioni di guerra con un equipaggiamento molto simile a quello di un vero esercito. Vengono date in dotazione, infatti, armi ad aria compressa (le cosiddette “Airsoft guns“) caricate con munizioni giocattolo (spesso e volentieri si tratta di palline di plastica). Di solito, i boschi sono i “campi di battaglia” ideali per gli amanti di questo gioco: questo naturalmente ha dato luogo, negli ultimi anni, a numerose polemiche.

 

Insomma, se questa domenica non sapete cosa fare, armatevi di buona volontà…e di “marker”!!

Fai qualcosa di diverso dal solito, guarda subito come divertirsi fuori dall’ordinario!

Credits: Piotr Lipson  WeHearit dailylifeofmojo

Partecipa alla discussione!
  • Sono nato a Pistoia nel giugno del 1995 e vivo a Popiglio, una località della montagna pistoiese e sono studente presso il Liceo Artistico "Petrocchi" di Pistoia. Faccio attività di volontariato con più associazioni e da sempre coltivo una profonda passione per la politica. Dal 2009 sono iscritto a Rifondazione Comunista e fin dal mio ingresso nel mondo degli istituti superiori sono attivo nei movimenti studenteschi pistoiesi.

Potrebbe interessarti anche

Lampredotto, Toc Toc Firenze

Cultura fiorentina: storia del lampredotto

Lampredotto: uno dei piatti poveri preferito dal fiorentino doc, un cibo che nobilita la ...

Dove sposarsi a Firenze: le location più suggestive

“Sposarsi a Firenze, un sogno che diviene realtà. “Firenze è una città per sposi; ...

Chi è lo Youtuber a Firenze?

La curiosità, volontà di conoscere, definita da Aristotele “meraviglia”: questa ci muove e ci ...

  • Commenti