Da Daniele di Diorama, nel nome del Bicchiere, dello Spirito e della Fantasia

Questa è la rubrica “Nel nome del Bicchiere, dello Spirito e della Fantasia” è nata per avvicinare due mondi sempre molto vicini ma quasi mai in contatto, sempre separati da un bancone. Curiosità e risposte a domande che avreste sempre voluto chiedere a chi vi allieta le serate e vi fa svegliare la mattina con grandi mal di testa, persone che non vi ricordate il nome, vestiti ancora addosso e così via.

E te cosa vorresti chiedere al tuo barista?

Nome e provenienza?

Daniele Bertelli, Firenze “un po’ fuori”.

Professione? Cosa ti ha avvicinato a questo mondo?

Barman. Semplicemente a causa del calo dell’industria dell’orificeria e da quando ho 20 anni sono diplomato all’ AIS (associazione ialiana sommelier) e come sommelier mi sono avvicinato al mondo del vino e poi a quello della birra.

toc dani 2

Dove lavori e da quanto sei là?

Qua da Diorama da pochissimo, da febbraio, però vengo da un esperienza precedente al Public House, primo locale gestito insieme al mio socio Davide che è rimasto li a gestirlo, mentre io mi sono buttato in questa nuova esperienza.

Il tuo lavoro in 3 parole.

Passione, Sacrificio e Divertimento.

Perché a Firenze? mezzo di trasporto?

“Purtroppo” perché sono nato qua, Firenze é una città bellissima, ma piena di contraddizioni. Per il mezzo di trasporto amo le macchine Vintage, ho una Lancia Fulvia coupé e una Fiat 126.

Il cliente che proprio non riesce a farsi amare?

L’amicone improvvisato, sembra che lo conosci da una vita ed è solo lì da 5 minuti.

Il cliente perfetto esiste?

Sì, il cliente a cui piace bere di qualità.

Sogni una Firenze By night diversa?

Diversa no, sogno che ci siano leggi più concrete e decisioni chiare.

Sogno nel bicchiere?

Il mio sogno al momento è qui, sto realizzando Diorama e spero che sia coronato con la concessione per la pedana esterna dal Comune,visto che ho fatto la richiesta da tempo!

3 cose che la gente non sa sul tuo lavoro?

Prima cosa che non sono un cliente, è divertente vedere persone che a volte non si rendono conto che non sono li a bere. Gestire un locale è un IMPRESA. E che a volte ti può capitare di dover servire persone che non vorresti vedere. Pero fa parte di quello che a me piace fare!

Hai mai avuto un guru o ne hai uno?

Ho conosciuto molte persone che mi hanno inspirato nel mondo del vino, però una figura di riferimento e che mi ha affascinato come modo di lavorare è Fabiano del Cafè Florian.

Ammettilo che cosa non puoi più bere a causa di una sbornia gigante?

In realtà al momento niente, ma ho avuto seri problemi con il vino frizzantino bianco da piccolo e questo ultimo dell’anno che mi sono distrutto con il Fernet.

Quando cominci a capire che un cliente non ne ha proprio più?

Quando ti si presentano al bancone e non riescono più a parlare la loro lingua.

Se dico Shot?

Dico shottiamo, io mi butto sempre sull’amaro Vintage.

Drink raccomandato?

L’ Amara Maionchi  una  “angry”  IPA vol.7,5%  tendente all’amaro.

toc dani 3

Vuoi scoprire altri lavoratori indefessi della notte? Allora continua a leggere Nel nome del Bicchiere, dello Spirito e della Fantasia!

Partecipa alla discussione!
  • Avatar

    Barman alla ricerca del suo "centro di gravita' permanente". Nato a Firenze 28 anni fa', adoro la cucina, la fotografia, viaggiare e naturalmente la mia professione.

Potrebbe interessarti anche

Upcycling

Riciclaggio e upcycling: il riuso a Firenze

Riciclaggio? Si grazie. Ma anche riuso e baratto. Scopri come e dove ridare vita ...

Africa, toc toc firenze

L’Africa arriva nel cuore di Firenze con il Kibaka Florence Festival

All’interno del cuore medievale di Firenze, sorge la nostra amata Biblioteca delle Oblate. Questo ...

Valdarno il sabato sera: cosa fare?

L’inverno sta arrivando, direbbe qualcuno, e insieme alle temperature diminuiscono anche le idee per ...

  • Commenti