Festa della Donna: le nostre meravigliose fiorentine

Festa della donna, toc toc firenze

8 Marzo, Festa della Donna

Questa data importante è solo un pretesto per festeggiare una volta in più, ciò che dovrebbe essere celebrato ogni giorno.
Toc Toc Firenze vuole farlo così, raccontando la storia e la vita di due donne fiorentine che per noi hanno contato tantissimo, in un modo o nell’altro.

Buon 8 Marzo Anna Maria Luisa de’ Medici

Quando girate per Firenze, siete ammaliati dalla sua bellezza? Non vi chiedete mai di chi sia il merito di tutto questo? Certo è degli artisti eccellenti che hanno creato opere di rara bellezza. Opere così incantevoli che tutto il mondo avrebbe fatto qualunque cosa per averle. Ed è qui che entra in gioco Anna.

Nata a Firenze nel 1667, Anna portava addosso a se un cognome importante per la città ed un destino non semplice da vivere. Seconda moglie  di Giovanno Carlo Guglielo I, Principe Elettore del Palatinato, non ebbe mai figli, né ne ebbero gli altri membri della famiglia: Anna Maria Luisa fu l’ultima rappresentante della famiglia Medici. 

m Jan Frans van Douven (1656-1727) Anna Maria Luisa de' Medici

La sua passione più grande era l’arte e l’antiquariato. Viveva in Palazzo Pitti circondata da tutto ciò che si può desiderare in questo settore. Alla morte del padre, il Gran Ducato di Toscana non passò a lei, ma andò agli Asburgo-Lorena. Fu per questo che nel 1737 stipulò con la nuova famiglia reggente il famoso “Patto di Famiglia”.

Questo stabiliva che i Lorena non potessero esportare  «o levare fuori della Capitale e dello Stato del GranDucato … Gallerie, Quadri, Statue, Biblioteche, Gioje ed altre cose preziose… della successione del Serenissimo GranDuca, affinché esse rimanessero per ornamento dello Stato, per utilità del Pubblico e per attirare la curiosità dei Forestieri.»

Insomma: fu grazie a lei se Firenze non venne dilaniata e smembrata come tante altre città italiane dopo la fine delle loro case regnanti.

Buona Festa della Donna Margherita Hack

E chi se la scorda? La scienziata (e moltissimo altro) fiorentina dal carattere acceso e vivace.

Firenze ha sempre sfornato cervelli sopraffini e quello di Margherita non era certo da meno. Nata nel Giugno del 1922, è stata una brillante scienziata e non solo.

 

Nel mondo della scienza Margherita ha avuto numerosissimi traguardi: nel 1964 è diventata professore ordinario di astrofisica alla facoltà di Trieste, sempre dal 1964 al 1987 è stata Dirigente dell’Osservatorio Astronomico, sempre di Trieste, prima donna a ricoprire questa carica. Membro per molto tempo della NASA ha lavorato in numerosi osservatori Europei e mondiali.

Il mondo non la ricorda “solo” per questo. Margherita è stata anche una nota attivista nei diritti civili e degli animali. Vegetariana sin da bambina, vedeva in tutte le creature dell’universo pari importanza.

Sulla carne disse: «Non la mangerei mai, perché mi sembra veramente atroce uccidere milioni e milioni e milioni di animali… è veramente un’ecatombe ogni giorno sulla terra» .

Lei credeva ciecamente anche ai diritti degli omosessuali e si schierò con forza pro all’eutanasia, definendola come “un modo per sollevare dalla pena un uomo che soffre”.

La Hack era una donna straordinaria che molti di noi ricordano con tenerezza. Una figura importante per Firenze e per il mondo ed è certamente un vanto averle dato i natali.

Detto questo fiorentini, non perdete tempo. Uscite di casa e comprate una bella mimosa, di quelle spumeggianti e tutte gialle, che portano allegria. Che sia per vostra madre, per un’amica, per la vostra metà o per chi vi pare, non dimenticatevene e fate tanti auguri anche da parte nostra a tutte le donne fiorentine che conoscete.

Partecipa alla discussione!
  • Sono nata ad Arezzo nel 1995 ma casa mia è e sarà sempre Firenze. Da brava classicista il mio più grande nemico è il greco, eppure ho tutte le intenzioni di fare storia antica all'università. Oppure farò scienze politiche, magari diventerò il primo Presidente del Consiglio donna. In due parole: non ho capito niente della vita.

Potrebbe interessarti anche

Folklore – La bottega di Calliope

Questa settimana gli scrittori del gruppo di scrittura EsseCìEffe si sono immersi nel folklore europeo, ...

Segreti, toc toc firenze

Il quartiere di Gavinana: storie e segreti

Forse non tutti sono a conoscenza dei segreti di questo quartiere oggi considerato periferico e ...

La biblioteca di Babele, Toc Toc Firenze

La biblioteca di Babele nel cortile del Bargello

Leggi un libro. Magari per caso, perché ti capita sottomano. Ti ci attacchi e ...

  • Commenti