Fiorentina – Roma: pareggio amaro, a Gomez risponde Ljajic

Siviglia - Fiorentina, Toc Toc Firenze

Fiorentina – Roma: Un pareggio amaro quello del Franchi, un risultato che grida vendetta. Resta il fatto di aver bloccato sull’1-1 la seconda della classe ma poteva andare sicuramente meglio. Eccesso d’altruismo davanti alla porta, distrazioni difensive e qualche cambio, forse, un po troppo impuntato a non prendere più che a fare gol. Ma il calcio è anche questo: è fatto di scelte, valutazioni e considerazione che un allenatore fa sul momento, noi non possiamo far altro che assistere. La squadra però non ha niente da rammaricarsi. Primo tempo stellare, sopra le righe con un pressing totale capace di annientare anche una Roma, che nonostante le problematiche, rimane pur sempre una squadra capace di mettere in difficoltà tutti, con i vari De Rossi, Totti e Nainggolan in campo. Il gol di Marione, il terzo in due partite, è un chiaro segno che il panzer sta tornando. Grande partita del tedesco, che, come sottolineato da Montella nel post gara, deve partecipare meno in fase di costruzione facendosi trovare più spesso in zona gol. Sempre nel primo tempo la Fiorentina ha avuto eccome le occasioni per chiuderla, ma non ha saputo sfruttare l’attimo per mettere definitivamente in cassaforte la partita. Nel secondo tempo, di fatti, è arrivata la beffa di Ljajic. Proprio lui. Errore in fase di marcatura di Basanta su Iturbe e Roma che pareggia i conti. Dispiace, perché mettere sotto la Roma non capita tutti i giorni, ma sbagliando si impara, e un calo fisico, dopo il primo tempo passato a pressare alta tutta la squadra ci sta. La strada intrapresa è quella giusta, la mentalità pure, serve solo un po più di rabbia sotto porta. Perché va bene, oggi c’era la Roma, e ci sta un pari, ma i punti lasciati per strada con i vari Genoa, Sassuolo ed Empoli gridano ancora vendetta. Manca solo quel guizzo a questa squadra. Per il resto si è visto che il bel gioco sta tornando, e che questa idea di pressing totale può funzionare. Il primo round coi giallorossi quindi è andato. Il 4 Febbraio all’Olimpico ci saranno i quarti di Coppa Italia, e ci sarà un’altro match fondamentale per la stagione di entrambe le squadre. Quella sarà una gara secca da dentro o fuori. Per gli uomini di Garcia, in un certo senso, lo era anche questa. Attualmente la Juventus dista 7 punti, e la lotta al vertice si fa sempre più dura per Totti e compagnia. Per quanto riguarda la Fiorentina invece la lotta Champions, visti anche i tonfi enormi delle due milanesi, è ancora apertissima. La Lazio dista solo 3 punti, ma il Napoli può allungare ancora avendo giocato fin ora una partita in meno. Tutto quindi è solo rimandato di qualche giornata. Sabato prossimo, a Marassi, c’è una trasferta difficile, ma non impossibile, contro il Genoa di Gasperini. Una pecca importante riguarda la squalifica di Pizarro, era diffidato e quindi salterà la gara di Genova. Con Aquilani ancora fermo ai box il ruolo di regista, atipico, potrebbe toccare a Kurtic. Perdi decisamente qualcosa il quanto a qualità, ma con lui aumenta notevolmente il filtro a centrocampo. Infine uno sguardo al mercato, perché oltre a Diamanti è tornato un’altro grande ex, Alberto Gilardino. Scelta condivisa tra Della Valle e Montella. Come spiegato dallo stesso tecnico in sala stampa l’ex Guangzhou non vuol essere una bocciatura a Babacar, ma una soluzione in più in avanti. D’altro canto il passo da buon giocatore a campione lo si fa anche battendo una concorrenza di livello come quella di Gilardino. Per quanto riguarda le uscite ancora non c’è stata un’offerta ufficiale per Cuadrado da parte del Chelsea. I giorni passano e le speranze che si possa rimandare tutto a Giugno aumentano. Vedremo un po cosa succederà. Nel frattempo godiamoci il ritorno di Alberto, che sicuramente non farà il titolare, ma come spiegato anche da Montella è già abile arruolato e potrà al più presto essere utile alla causa viola.

Partecipa alla discussione!
  • Nato a Fiesole, studio, si fa per dire, scienze della comunicazione. Vivo il calcio quasi come fosse una religione e ho una grande passione per la cucina. Nel tempo libero studio batteria, coltivando un piccolo sogno che è quello della Musica.

Potrebbe interessarti anche

  • Commenti