Harold Acton library: una biblioteca, una storia

harold acton, toc toc firenze

Sul Lungarno Guicciardini passa l’Arno e numerose coppiette per una passeggiata romantica al calar del sole.

Al numero 9 si erge anche un maestoso edificio: Palazzo Lanfredini, che ospita il British Institute e la sua gloriosa biblioteca.

Il palazzo, citato anche nelle Vitae del Vasari, fu architettato da Baccio d’Agnolo, scultore e architetto attivo a Firenze tra il 1462 e il 1543.

L’architettura è caratterizzata da uno scalone monumentale e da una loggia sostenuta da colonnine doriche, ispirate forse alle architetture romane.La facciata è invece diversa dallo stile tipico dell’epoca, perché non presenta gli elementi architettonici dell’architettura civile fiorentina. Due file di finestre con architrave sporgente si allineano ai piani superiori, ma la particolarità è rappresentata dalla decorazione a graffito, che al piano superiore riproduce figure grottesche e stemmi.

La biblioteca si trova al primo piano.

harold acton, toctoc firenze

Fu fondata nel 1917, come prima istituzione culturale Inglese in Italia per promuovere uno scambio culturale dinamico tra l’Italia e i paesi anglofoni. Servì inoltre come modello per la fondazione del British Council nel 1934.

La biblioteca fu poi intitolata a Harold Acton nel 1989. Harold Acton, figlio di Arthur Acton nato nel 1904 a Villa la Pietra, visse nella Firenze cosmopolita dei primi del ‘900 e abitò a lungo in alcuni appartamenti del palazzo. Studiò con profitto a Oxford e pubblicò già nel 1923 un libro di poesieAquarium” e in seguito molti libri sulla Storia locale e su altri temi d’attualità. Fu anche fervente studioso e traduttore dal cinese, durante i 7 anni nei quali si stabilì a Pechino come professore di Inglese.

Per molti anni fu affiliato del British Institute fino a diventarne perfino un professore del governing board nel 1950 e rese poi usufruibile il suo appartamento di Palazzo Lanfredini per la creazione della biblioteca dell’istituto.

harold acton, toc toc firenze

È così che Harold Acton ha voluto tramandare il suo amore per i libri e la cultura, lasciando un luogo accogliente e ricco di sapere alla portata di tutti.

Ad oggi la biblioteca comprende una delle più grandi collezioni di libri in Inglese nell’Europa continentale; nata da una piccola donazione, si è accresciuta nel tempo grazie all’aiuto di tutti i suoi fruitori fino all’ammontare dei 50 000 libri presenti.

harold acton, toc toc firenze

Ogni anno la biblioteca riesce a crescere di circa 500 libri ed è infatti aperta a tutti la possibilità di donare un libro.

La Biblioteca è liberamente consultabile per tutti i soci del British Institute dal Lunedì al Venerdì dalle 10:00 alle 18:30 (prossima chiusura dal 19 Dicembre fino all’11 Gennaio compreso).

 

Credits: Wikipedia, The British Institute of Florence

Partecipa alla discussione!
  • Avatar

    Fiorentina di nascita ma cittadina del mondo, viaggio con la mente e con il corpo da quando sono piccola. Grazie a fantasia e caffeina non potrò mai rimanere senza niente da scrivere.

Potrebbe interessarti anche

Torna “Amici Miei” al cinema dopo 40 anni

Tarapia tapioco come se fosse antani con la supercazzola prematurata, con lo scappellamento a ...

Savonarola, Toc Toc Firenze

Savonarola e il rogo delle vanità

Quello di Girolamo Savonarola è un nome che tutti i toscani conoscono almeno per ...

  • Commenti