Il Giardino delle Rose: quando a Firenze la natura ospita l’arte

giardino delle rose

Il Giardino delle Rose, 1000 diverse piante, 350 varietà di rose e dodici statue, con una splendida vista su Firenze.

Vi trovate in una delle città d’arte più belle e famose al mondo, Firenze, nota da secoli per l’inestimabile valore culturale e storico e meta ormai dei turisti di tutto il mondo.

Non è difficile ammirarne la bellezza, ma come fare per godersela appieno?

Per vederne l’intero panorama e per essere investiti da una grandezza che non ha età? Se proverete a spostarvi verso qualcosa di più suggestivo e meno caotico, vi troverete sicuramente immersi nel Giardino delle Rose.

Nel 1865 il comune di Firenze, in vista dello spostamento della capitale da Torino al capoluogo toscano, incaricò l’architetto Giuseppe Poggi di progettare questo spazio verde dove uomo e natura potessero incontrarsi.

Costruito in un ettaro di terreno su terrazzamenti in stile francese, il Giardino delle Rose ospita al suo interno circa mille varietà botaniche e ben 350 specie di rose differenti, le più antiche delle quali risalenti al 1550.

giardino delle rose

Ma questa non è l’unica particolarità che caratterizza il giardino, dato che nel 1998 l’architetto Yasui Kitayama ricreò al suo interno un piccolo giardino giapponese.

Dove godersi un panorama mozzafiato al sole

Racchiuso tra viale Poggi, via di San Salvatore e via dei Bastioni, pochi metri più a sud-ovest di Piazzale Michelangelo, il Giardino delle Rose si affaccia su un panorama mozzafiato: il Duomo, Palazzo Vecchio, l’intera città è sotto di voi, mentre sulla sinistra è possibile ammirare Porta San Niccolò e le vecchie mura che salgono per il Forte Belvedere.

Passeggiando tra i vialetti fioriti che compongono il piccolo parco, sarete immersi in un’atmosfera romantica e rilassante. Potrete fermarvi su una delle numerose panchine di legno sotto gli splendidi alberi ombrosi sparsi per i prati per godere appieno del panorama, oppure ammirare le sculture che lo decorano.

Non solo fiori ma anche arte

Infatti in questo luogo sono presenti ben 10 statue di bronzo e 2 di gesso dell’artista Jean Michel Folon, deceduto nel 2005. La vedova dello scultore ha donato queste dodici opere al comune di Firenze appositamente, affinchè venissero disposte  nel Giardino Delle Rose.

Questo generoso gesto ha reso possibile un’apposita ristrutturazione dell’area, per rendere ottimale l’integrazione delle opere attraverso una revisione degli impianti d’illuminazione e di sicurezza e dell’irrigazione del parco, così che la fusione fra arte e natura che caratterizza il Giardino delle Rose è, grazie alle opere di Folon, ancora più evidente.

giardino delle rose

Inoltre questa piccola oasi fiorentina non è più aperta al pubblico sporadicamente, ma, dal 2011, è visitabile ogni giorno.

Era questo l’angolo suggestivo che stavate cercando? Il Giardino delle Rose?

 

Top
Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE