James Bond a Firenze: i luoghi ideali per la spia più famosa

james bond, toc toc firenze

Un gentleman inglese e avventuroso, un latin lover amante del bon vivré. Il suo nome è Bond, James Bond, agente segreto al servizio di Sua Maestà, nato dalla penna dello scrittore Ian Fleming nel 1952.

Per lavoro e per piacere è un giramondo e ama l’Italia: nell’ultimo film “Spectre” (2015, Sam Mendes) è stato a Roma, qualche tempo fa è passato anche dalla Toscana (Siena, Talamone e Massa Carrara) e da Venezia.

Visto il tipo, noi di Toc Toc ci siamo chiesti: ma cosa farebbe se capitasse a Firenze?

Luoghi sofisticati per bere e ristorarsi

Bar Gilli e Bar Hotel Savoy, in Piazza della Repubblica, fanno parte dei “Bond Point” ossia luoghi dove poter trovare cocktail e pietanze che James Bond berrebbe. Cosa consigliamo? Il Vesper Martini rigorosamente agitato non mescolato, con una sottile scorza di limone. Harry’s Bar, Lungarno Vespucci: Giuseppe Cipriani, fondatore degli storici Harry’s Bar propose all’amico Enrico Mariotti, che stava aprendo qualcosa di simile a Firenze, di chiamarlo con lo stesso nome dei suoi bar.

Ci sono stati Robin Williams, Elizabeth Taylor e siamo sicuri che James Bond, che è stato nei bar di Parigi e Venezia, non rifiuterebbe certo di bere sulla riva dell’Arno; Caffé Florian, via di Parione: il più antico caffé italiano, del 1720, è l’onomimo a Venezia in Piazza San Marco. James Bond ci ha fatto visita sia nei libri sia nei film. Per fortuna è stata aperta una filiale, l’unica al mondo, a Firenze. Siamo sicuri che un buono Spritz alla maniera del Florian non se lo perderebbe.

james bond, toc toc firenze

Proprio da Firenze inoltre, viene il profumo “Melograno” dell’Officina del Profumo Santa Maria Novella utilizzato da Vesper Lynd (Eva Green) in Casinò Royale (2006). Per saperne di più abbiamo anche fatto qualche domanda ad Ilario Citton, presidente di Le Cercle, il più importante club (e non fan club!) di James Bond in Italia.  

Quali vini fiorentini sarebbero graditi a James Bond?

James Bond nella sua lunga storia cinematografica ha bevuto sempre cose molto raffinate e pressoché uguali di film in film. Ma è nei romanzi di Ian Fleming che ne scopriamo tutta la varietà bevuta o degustata di vini, champagne e cocktail, di cui Fleming era lui stesso un estimatore e consumatore. Tra questi il Chianti che troviamo citato in Dalla Russia con amore. Una scelta perfetta perché trattasi di un vino asciutto e armonico, a mio avviso, perfetto per Bond, un uomo tutto d’un pezzo.

james bond, toc toc firenze

Quale attrice o modella di estrazione fiorentina potrebbe svolgere il ruolo della Bond Girl?

Mi viene in mente una bellezza della Firenze del rinascimento: Simonetta Cattaneo Vespucci. Bionda con uno sguardo profondo, dal fascino senza tempo. Si, sarebbe perfetta anche oggi in un film di 007.

Quale pistola di marca italiana userebbe 007?

Bond utilizza nei romanzi una Beretta cal.25, quindi una pistola italiana, che viene sostituita nei film con una Walther Ppk e P99.

Chi, secondo te, nel variegato panorama cinematografico italiano, potrebbe essere degno di dirigere un film con protagonista James Bond?

Ti faccio solo un nome che secondo me sarebbe all’altezza: Giulio Base. Un serio professionista versatile, molto preparato ed esperto nella regia, attore, e grande fan di James Bond, cosa che darebbe quel qualcosa in più al film.

a cura di Niccolò Barbieri

credits: 007, Piazza della Repubblica

Partecipa alla discussione!
  • Toc toc Firenze è un web magazine che si occupa di politica, attualità, dell’urbano inteso come luoghi di ritrovo e interessanti, dell’università, della scuola superiore e della cultura in tutta la città.

Potrebbe interessarti anche

No Casapound, Toc Toc Firenze

Oltre il Palazzo: Coverciano non vuole Casapound

Il Quartiere 2 ha approvato una mozione contro l’apertura di una libreria di Casapound ...

Nardella, Toc Toc Firenze

Oltre il Palazzo: Nardella trasforma Oltrarno

Dario Nardella è riuscito ad aggiungere un elemento ulteriore al suo ampio programma di ...

  • Commenti