La giunta comunale

Che cos’è la Giunta comunale e come influisce sulle sorti della nostra città? Ecco un’altra puntata della nostra guida alle istituzioni!

Da chi è composta

Da Assessori comunali in numero stabilito dallo statuto comunale (massimo 16 nel comune di Firenze; 9 nell’attuale giunta).
A ciascuno di essi il sindaco attribuisce un determinato settore di competenza (assessore all’ambiente, alla cultura, alle infrastrutture ecc..)

Come viene eletta

Gli assessori comunali vengono nominati direttamente dal sindaco, anche al di fuori delle personalità elette dai cittadini durante le elezioni comunali (i cittadini scelgono a suffragio il sindaco delegando a questi la possibilità di scegliere autonomamente i componenti del proprio “team”).
In virtù di questo rapporto fiduciario tra sindaco e giunta, è il sindaco stesso che ha la responsabilità di verificare i criteri di eleggibilità e compatibilità degli assessori, equivalenti a quelli validi per l’elezione a consigliere comunale stabiliti dalla legge nazionale, Capo II.
Per esempio, la carica di assessore è incompatibile con quella di consigliere comunale (se il sindaco sceglie come assessore un consigliere comunale egli decade da tale carica) o con altre figure in conflitto di interessi con quella di assessore.
1465276_617283488343481_424265784_n

Come decade

Tutti gli organi di governo del comune hanno un mandato di 5 anni.
Prima di questa data, la giunta si scioglie in qualsiasi caso decada il sindaco.
Inoltre, la carica di assessore può essere revocata direttamente dal sindaco, che ne deve dare motivazione al consiglio.

Come funziona

La giunta comunale è un organo collegiale (cioè una pluralità di persone che concorrono all’attività dell’ufficio partecipando alla formazione di atti unitari, le deliberazioni, attribuiti pertanto al collegio e non ai singoli componenti); come tale, il suo funzionamento si articola in:
1) convocazione: la giunta viene convocata dal sindaco che ne definisce l’ordine del giorno e ne dirige l’attività; la convocazione avviene di norma una volta la settimana e le sedute non sono pubbliche, a meno di decisione del sindaco.
2) svolgimento della seduta: il sindaco stesso o l’assessore competente in materia presenta l’oggetto della discussione (proposta di delibera) che viene poi sottoposta a modifica tramite emendamenti presentati dagli altri assessori e votati all’interno della seduta.
3) votazione della delibera: nominale, a maggioranza semplice, normalmente palese.

giunta

Funzioni e competenze

La giunta comunale rappresenta l‘Organo esecutivo del Comune: il suo compito fondamentale è perciò quello di decidere COME  dare attuazione ai progetti e alle pianificazioni deliberate dal Consiglio Comunale.
Ad esempio, se il Consiglio Comunale decidesse di costruire un nuovo parco in via tal dei tali (COSA FARE), la Giunta comunale dovrebbe approvare il progetto di realizzazione dell’opera (indagini geologiche e impatto ambientale, espropri, impatto dei cantieri sul territorio e sull’urbanistica, tempi di esecuzione, stima dei costi…appunto tutto ciò che riguarda il COME FARE) ed infine il dirigente si occuperebbe dell’esecuzione pratica del progetto (bando per l’assegnazione dell’appalto, gestione del personale, etc…)
Il principale strumento operativo della Giunta è il Piano Esecutivo di Gestione, un documento stilato annualmente sulla base del bilancio approvato dal consiglio, nel quale si delineano tutti gli obiettivi da raggiungere e per ciascuno di essi si indica:

  • il responsabile (dirigente comunale)
  • il budget previsto per tale progetto
  • le risorse finanziarie e professionali di cui usufruire per portarlo a termine
  • la scadenza temporale
  • gli indicatori necessari per valutare i risultati ottenuti

Inoltre la giunta:

  • svolge attività di proposta nei confronti del Consiglio comunale, sottoponendo alla discussione consiliare proposte di delibere e svolgendo in tal modo azione di indirizzo politico.
    E’ alla giunta infatti che compete la predisposizione dello schema di bilancio pluriennale e la relazione programmatica di inizio mandato (in cui si delineano le linee programmatiche del mandato elettorale) e poi, annualmente, lo schema di bilancio annuale di previsione; ciascuna di queste proposte deve essere approvata dal consiglio.
  • riferisce annualmente al consiglio sulla propria attività e sull’esecuzione dei programmi
  • determina le aliquote comunali (le percentuali che applicate al reddito/patrimonio/consumo, determinano l’imposta effettiva che il cittadino deve pagare).

Photo credits: Sara Piazzini, http://unaltraroseto.blogspot.it/

Tags
Top
Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE