Biblioteche fiorentine: quando a casa non riesci a studiare

biblioteche fiorentine

Le biblioteche fiorentine sono tante, qual è quella giusta per te?

Diverse sono le ragioni che spingono a preferire, come luogo di studio, la biblioteca alle mura domestiche: in casa c’è troppa confusione, motivi di concentrazione, la possibilità di fare nuove amicizie.

Diverse le motivazioni, diverse le biblioteche fiorentine che possono soddisfare, meglio di altre, i bisogni di noi studenti: vediamone alcune.

Se cercate un luogo silenzioso e tranquillo, per una full immersion di studio senza distrazioni, fanno indubbiamente al caso vostro la Biblioteca Nazionale e la Biblioteca Marucelliana.

Entrambe situate nel centro storico, la prima in Piazza dei Cavalleggeri e la seconda in via Cavour, sono le biblioteche fiorentine storiche, dotate di sale di lettura decisamente monumentali, con lunghi tavoli di legno forniti di punti luce individuali e prese elettriche.

Vi si respira un’atmosfera molto austera, complici l’età delle strutture (la Marucelliana risale addirittura a metà 1700), gli arredi solenni e l’illuminazione limitata alle postazioni di lettura.

biblioteche fiorentine

Ricordate che per accedere alla Nazionale è necessario essere maggiorenni, portare un documento e fare la tessera.

Per coloro che invece si sentono più a loro agio in un ambiente meno serioso, sono decisamente più indicate le biblioteche fiorentine del circuito universitario o quelle del circuito comunale, che raccolgono il bacino di studenti residenti nei vari quartieri di Firenze.

Tra le biblioteche fiorentine universitarie, vi invito a dare un’occhiata a quelle relative alle facoltà meno usuali, spesso meno affollate e più intime.

Come ad esempio la Biblioteca di Biologia Animale, situata in via Romana, nella stessa sede del museo della Specola. E’ possibile studiare nella biblioteca vera e propria o,  a lezioni finite,  nelle aule, altrettanto confortevoli.

La chicca di questa biblioteca è sicuramente il suo cortile interno, un giardino su più livelli estremamente piacevole per prendere una boccata d’aria e fare due chiacchiere all’aperto in mezzo al verde.

Quello che non vi aspettereste è che il cortile si collega direttamente con il Giardino di Boboli, nel caso aveste bisogno di una via di fuga dallo studio rapidamente disponibile!

Se invece per voi è sempre l’ora della pausa caffè, allora per voi la migliore delle biblioteche fiorentine è sicuramente in via dell’Oriuolo, nella briosa Biblioteca delle Oblate.

Con il suo cortile interno e soprattutto con la grande caffetteria-terrazza del secondo piano, non teme confronto con nessuno in termini di possibilità di svago dallo studio e socializzazione.

biblioteca delle oblate

Anche per questo motivo è sempre molto affollata, nonostante offra moltissime postazioni di lettura (in tavoli di dimensioni abbastanza contenute) e innumerevoli punti di accesso a internet.

Concludo con un suggerimento: le biblioteche fiorentine sono molte e ben dislocate, magari ce n’è una a due passi da casa di cui ignorate l’esistenza!

Date un’occhiata a sedi e orari di tutte le biblioteche del circuito universitario e di quello comunale e trovate quella giusta per voi o, se avete bisogno di studiare anche di sera, sbirciate nella nostra piccola guida delle biblioteche aperte in orario serale!

Buona ricerca e buono studio a tutti!

Vuoi sapere come e quando studiare al meglio a Firenze? Guarda le nostre guide allo studio!

Partecipa alla discussione!
  • Avatar

    Nata a Firenze nell'89, studio medicina e a tempo perso mi guardo un po' intorno a scoprire cosa si dice (o non si dice) di nuovo.

Potrebbe interessarti anche

AIESEC, toc toc Firenze

AIESEC, sei settimane per scoprire il mondo

Centoventiquattro paesi, oltre 86mila membri, una moltitudine di lingue e un’unica casa, il pianeta. ...

lingue straniere

Lingue straniere? Ormai non sono più un problema

Sarà capitato anche a voi di trovarvi a balbettare e gesticolare di fronte a ...

  • Commenti