Movimento per l’Emancipazione della Poesia: per portare la poesia in strada e farla tornare a vivere

La poesia spesso permette di sopravvivere, di riscoprire in fondo a se stessi quei sentimenti che credevamo perduti. Scriverla è un processo simile a un’eruzione vulcanica, un’urgenza immediata, mentre per leggerla abbiamo bisogno di fermarci e di distoglierci dagli impegni quotidiani: ecco perché non la leggiamo più. Non prendiamo più l’iniziativa di comprare un libro di poesie. Preferiamo un romanzo che si può sfogliare in treno, alla fermata dell’autobus o nella sala d’attesa del dottore. Ci siamo dimenticati della poesia. E la nostra vita si è impoverita.

w2_595

Qui si inserisce il Movimento per l’Emancipazione della Poesia, nato nel Marzo del 2010 per riportare la poesia dove non c’è: per le strade, tra la gente che corre a lavoro o chissà dove e che a volte, per un attimo, si ferma. E rimane spiazzata. Perché sul muro non trova una dichiarazione d’amore scritta con una bomboletta o uno scarabocchio, ma una pagina in formato A4 con sopra una poesia. Come se qualcuno l’avesse strappata da un libro e l’avesse attaccata proprio sotto i suoi occhi.
I ragazzi del M.e.P. non vogliono essere assimilati alla Street Art, con la quale condividono soltanto il luogo di diffusione della loro espressione artistica: perché la loro opera d’arte nasce altrove, in solitudine, ed è sempre riproducibile. E, oltre all’attacchinaggio, i ragazzi utilizzano altre tecniche per introdurre la poesia nella vita delle persone in ogni modo possibile, cogliendo di sorpresa fuori dal contesto in cui ci si aspetterebbe di trovare letteratura.

w3_595

A Firenze il M.e.P. conta una ventina di iscritti: in tutta Italia circa una settantina.
Di base il movimento nasce per trascinare anche a forza la poesia fuori dalle case, fuori dai cassetti, e invitare le persone a contribuire: a volte alcuni aggiungono dei versi a penna accanto a quelli stampati, altri cancellano parole, altri ancora strappano il foglio. Per i ragazzi del M.e.P., ogni forma di interazione con le poesie è positiva. Anche il tentativo di distruggerle. Le poesie sono fatte per venire alla luce, per essere condivise e anche violentate. L’importante è che se ne parli e che se ne comprenda il valore.

w7_595

Ph credits: Laura Bonaiuti; http://mep.netsons.org/beta/

Partecipa alla discussione!
  • Avatar

    22 anni. La scrittura è come un tic e sto cercando di sfruttarla a mio favore. Nel frattempo studio. Colleziono sottobicchieri e libri autografati. A maggio 2015 il mio romanzo è uscito in libreria: "Se nessuno sa dove sei", Edizioni Piemme.

Potrebbe interessarti anche

ezio auditore, toc toc firenze

Ezio Auditore da Firenze: tra storia e fenomeno videoludico

Ezio Auditore da Firenze, questo nome non ti dice niente? Sarai inseguito da un’orda ...

insegnanti di ballo

Esplorando la Firenze che danza: insegnanti di ballo per tutti i gusti

“Danza, danza, altrimenti siamo perduti” Queste sono parole di Pina Bausch, una delle più ...

  • Commenti