La storia tormentata della chiesa di Orsanmichele

orsanmichele, toc toc firenze

Orsanmichele, ovvero San Michele Arcangelo

A Firenze non amiamo complicarci la vita, ed è per questo che la chiesa di San Michele Arcangelo viene semplicemente chiamata Orsanmichele. Questa chiesa in cambio ha avuto un vita piuttosto complicata – forse perché è una delle più antiche di Firenze.

L’edificio è noto a tutti, si tratta di quella chiesa medievale a due passi da piazza della Repubblica –  una delle poche sopravvissute ai lavori  dell’800 che distrussero il Mercato Vecchio e questa zona di Firenze. Forse però non molti sanno che, nel luogo dove adesso sorge la chiesa, fino al XII secolo si trovavano un oratorio e un’altra piccola chiesa.

Ci credete? La zona intorno era completamente circondata da campi coltivati ad orti! Ed è per questo motivo la chiesetta prese il nome di San Michele in Orto – e da lì il passo a Orto di San Michele e poi Orsanmichele fu breve.

Orsanmichele, toc toc firenze

Una chiesa o un mercato?

La chiesetta però, come abbiamo detto, non ebbe vita facile, e il comune di Firenze – già a quei tempi più interessato ai soldi che alla religione – demolì la chiesa per fare spazio ad una loggia, destinata al mercato delle granaglie. A ricordo della piccola chiesa distrutta vennero però affrescate due colonne con l’immagine di San Michele Arcangelo e della Madonna.

Pare tuttavia che i fiorentini non abbiano mai saputo decidersi sulla funzione da attribuire a Orsanmichele e per questo nel XV secolo il mercato fu spostato e l’edificio venne trasformato di nuovo in una chiesa, pur mantenendo la propria forma che è dunque insolita per una struttura religiosa:  una pianta rettangolare.

L’edificio mantenne una struttura a due piani, e mentre il piano superiore venne adibito a magazzino del grano, quello inferiore diventò appunto la chiesa dedicata alla Madonna. Sui pilastri del piano terra, all’esterno, vennero inserite delle nicchie, che avrebbero accolto i santi protettori delle varie corporazioni delle Arti.

Insomma, adesso i turisti si riposano e bivaccano vicino alle riproduzioni di ciò che è stato il simbolo del ricco panorama della scultura fiorentina dal ‘400 al ‘600. Santo Stefano, San Marco, San Luca e San Filippo, rispettivamente di Lorenzo Ghiberti, Donatello, Giambologna e Nanni di Banco, sono soltanto alcuni degli esempi delle sculture che potrete ammirare fuori dalla chiesa.

orsanmichele, toc toc firenze

Una chiesa piena di piccoli segreti

Ma proprio per la sua storia travagliata, Orsanmichele è ricca di tante piccole meraviglie! Potete infatti recarvi sul luogo e divertirvi a notare questi piccoli dettagli:

  • se alzate gli occhi sul Palazzo della Lana, di fronte a Orsanmichele, potete notare come i due edifici siano collegati da un corridoio sopraelevato. Una specie di Corridoio Vasariano in formato mignon, per intenderci.
  • esiste un trucchetto che rivela l’antico uso dell’edificio come granaio, infatti se appena entrati guardate sulla sinistra, noterete come il primo e il secondo pilastro presentano degli strani fiori. Si tratta di feritoie collegate ai piani superiori, che i fornai riempivano con il grano che ricevevano dal secondo piano!
  • provate ad osservare attentamente i quattro angoli esterni di Orsanmichele: vedrete incise delle immagini che rappresentano spighe di grano e viti. Infatti Orsanmichele non conteneva soltanto il grano, ma generi alimentari di vario tipo fra cui il vino.

L’ingresso della chiesa è gratuito (fatto non così scontato a Firenze), e così anche l’ingresso al museo, che si trova nei due piani superiori e la cui entrata è in via dei Calzaiuoli. Adesso non vi resta che armarvi di un po’ di sana curiosità e andare a visitarla!

Credits: Museums in Florence, Reservas de coches.

Tags
Top
Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE