Palermo – Fiorentina: è una vittoria alla Fiorentina. Tre punti all’insegna degli svarioni

Fiorentina - Team Trentino, Toc Toc Firenze

Palermo – Fiorentina: Si è rivista, finalmente o per sfortuna, la Fiorentina che tutti noi conosciamo oggi a Palermo. Una squadra all’arrembaggio, che crea tanto e concretizza, se ha il centravanti (Gila), ma con enormi ed evidenti sbandamenti difensivi. Lo sappiamo, è così, c’è poco da fare, la squadra costruita da Montella è una squadra che ha una sua indole e una sua propensione a fare gol e a tralasciare, alcune volte anche in maniera ingiustificata, la fase difensiva. Ci ha pensato Alonso, dopo la magia iniziale di Ilicic, a chiudere in bellezza una partita per la verità mai troppo in bilico dal punto di vista del risultato; Palermo battagliero, un po allo sbaraglio offensivo con l’intento, prima di tutto, di non regalare una delusione ai propri tifosi, delusione che in fin dei conti non è del tutto arrivata perché il match è stato combattuto fino alla fine, un 2-3 divertente e bello che rispecchia a pieno i valori visti in campo. Il fatto di doversi concentrare unicamente su una competizione aiuta mentalmente questa squadra a ritrovare la quadratura del cerchio, molti giocatori sotto questo punto di vista devono ancora migliorare, lo abbiamo visto, ma all’Europa si potrà pensare solo da Settembre in poi, adesso spazio a ricaricare le batterie. Con questi tre punti la Fiorentina può affrontare l’ultima partita di campionato con un piglio più sereno, cosciente del fatto che ormai, complice la squalifica dalle coppe del Genoa, la qualificazione ai gironi di Europa League è automaticamente conquistata. Passerella davanti ai tifosi insomma, per chi rimane e per chi va, sarà un ultima partita dal clima festoso. Una vittoria però sarebbe fondamentale nel caso in cui, e potrebbe succedere, la Lazio battesse il Napoli; se così fosse la Fiorentina balzerebbe al quarto posto riconfermandosi per la terza volta di fila l’inseguitrice numero uno del gruppo di testa. Moralmente sarebbe un sorpasso importante per il gruppo, d’altro canto questa squadra ha tutto per poter ambire a questo traguardo, visto il tenore di gioco espresso in queste ultime gare e finche la matematica non ci condanna è bene sperare fino in fondo. Superato l’ostacolo Chievo sarà calcio mercato, almeno fino alla fine del ritiro di Moena, dove la squadra, si spera, possa essere quella che scenderà in campo per la prima di campionato a fine Agosto. Il primo nodo da sciogliere si chiama Montella, il secondo Gomez ed il terzo Babacar. poi c’è la questione terzini e il capitolo vice Pizarro. Tanto lavoro per la dirigenza che si è già messa all’opera in cerca di innesti importanti in vista della prossima stagione. Una piccola rivoluzione sarà fatta, questo è sicuro, un primo indizio potremmo averlo già dalla prossima settimana. Il capitolo allenatore sarà fondamentale per capire le intenzioni dei Della Valle. Non ci resta che attendere.

Top
Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE