Parco della musica e della cultura a Firenze: l’inaugurazione si avvicina

parco della musica e della cultura a firenze

C’è ma non si vede: se ne sta ben nascosto dietro agli alberi, fra la Stazione Leopolda e il Parco delle Cascine, ancora in fase di costruzione.

Per ora non molti ci hanno messo piede, a parte gli addetti ai lavori e coloro che hanno partecipato alle giornate inaugurali di una sola parte del Parco: la sala più grande del nuovo Teatro dell’Opera, nel dicembre 2011.

Parco della musica e della cultura

Il parco

L’intero complesso è stato ideato da Paolo Desideri e si tratta di un centro musicale e culturale, progetto pionieristico in Europa: architettura spettacolare, attenzione all’integrazione col paesaggio circostante.

Per quanto riguarda in particolare il teatro, si parla di una delle macchine sceniche più all’avanguardia del mondo, nonché di un’acustica eccezionale: per ottenerla sono state impiegate le più avanzate tecniche contemporanee.

Parco della musica e della cultura a firenze

Il nuovo Teatro dell’Opera

Ha 3 sale capaci di ospitare 5000 spettatori. È stato concepito tenendo conto della sua originaria funzione nelle città greche: inteso come luogo di aggregazione posto ai margini in posizione rialzata, non al centro. Infatti, chi si affaccia dalla gradinata potrà ammirare la bella Firenze e i suoi luoghi “sacri”, come il Duomo e Palazzo Vecchio.

Questo teatro sarà la nuova sede del Maggio musicale fiorentino e dovrebbe essere ufficialmente inaugurato a maggio del 2014.

Zubin Mehta, che ha seguito il progetto e i lavori fin dall’inizio, ha voluto che fossero ridotte al minimo le distanze fra pubblico e spazio scenico: infatti i palchi non hanno i parapetti tradizionali e sono collocati su un’onda architettonica di grande impatto visivo.

Parco della musica e della cultura a firenze

Gli obiettivi

La “casa” della musica e della cultura di Firenze è un progetto in cui sono stati investiti molti sogni e speranze: per esempio che questo luogo diventi un punto di riferimento internazionale per grandi produzioni artistiche non solo operistiche o musicali, ma anche teatrali, di danza, performance e installazioni video: insomma tutto ciò che sia di rilievo oggi nella scena artistica mondiale.

Di soldi ce ne vogliono tanti, e l’interrogativo che i fiorentini si pongono riguarda il dove li si andranno a trovare. Si tratta di un progetto in cui il sindaco Renzi ha creduto molto e a cui ha guardato con occhio visionario: niente mezze misure per una volta, il parco è grande e sarà o un’immensa dose di soddisfazione e lavoro per tanti, o un fallimento.

Parco della musica e della cultura a firenze

Speriamo sinceramente che il sogno, per una volta, diventi realtà: che questo parco diventi davvero un’opera rivoluzionaria per Firenze e che porti in città grandi artisti da tutto il mondo, oltre a permettere al Maggio e i suoi lavoratori di continuare a riempire di meraviglia gli spettatori di questa città, che forse hanno un po’ smesso di credere nel teatro, forse perché il teatro ha bisogno di spazio, di tempo e di speranza.

Un investimento, quindi, non solo finanziario: ne attendiamo gli sviluppi.

 

 

 

Partecipa alla discussione!
  • Avatar

    24 anni, laureanda in scienze politiche. Ho voglia di raccontare storie.

Potrebbe interessarti anche

teatro dell'opera di firenze, toc toc firenze

Teatro dell’Opera di Firenze: il vincitore del premio Ance 2014

Un’opera pubblica di qualità, uno spazio per la cultura realizzato con altissimi standard tecnologici ...

Tramvia in Dalmazia, si comincia in estate

Scartata la variante Rifredi, arrivano i cantieri Tramvia nella zona di piazza Dalmazia Importanti ...

  • Commenti