Rappresentanza studentesca: cosa puoi fare e come

rappresentanza studentesca, toc toc firenze

Vuoi partecipare alla vita politica della tua scuola ma non sai da dove cominciare?

Da oggi non hai più scuse! Ecco come candidarsi ai ruoli più importanti della rappresentanza studentesca.

Rappresentante di classe

Il compito del rappresentante è quello di mediare tra i propri compagni e i professori, la segreteria e il dirigente scolastico, soprattutto durante i consigli di classe. L’elezione avviene all’interno della propria classe, i due ragazzi che ottengono più voti sono eletti come rappresentanti. Hanno la possibilità di convocare un’assemblea di classe al mese, chiedendo ai professori l’autorizzazione ad utilizzare le loro ore. Tutti i rappresentanti di classe di uno stesso istituto costituiscono il comitato studentesco, che formula proposte ed esprime pareri al Consiglio d’Istituto e al Collegio dei Docenti.

Rappresentante d’Istituto

Il compito principale del rappresentante d’istituto è quello di farsi portavoce degli studenti, soprattutto di fronte al Consiglio d’Istituto, formato dai rappresentanti degli studenti, 8 professori, 4 genitori e 2 rappresentanti del personale Ata. Il numero dei rappresentanti varia in base al numero degli studenti iscritto all’istituto stesso; per potersi candidare è necessario compilare gli appositi moduli presenti in segreteria. Dopo la presentazione dei candidati durante l’assemblea d’istituto si procede alle elezioni, che avvengono all’interno delle classi. Per conoscere le richieste e le opinioni di tutti gli studenti i rappresentanti convocano il comitato studentesco, al quale partecipano tutti i rappresentanti di classe. In più, una volta al mese, il rappresentante ha il compito di organizzare le assemblee d’istituto, chiedendo l’approvazione della data e del luogo al dirigente scolastico; alle assemblee i rappresentanti hanno la possibilità di invitare ospiti esterni alla scuola, chiedendo l’approvazione al Consiglio d’Istituto.

rappresentanza studentesca, toc toc firenze

Consulta Provinciale degli Studenti

Ogni istituto ha la possibilità di eleggere 2 rappresentanti, i quali rimangono in carica per due anni. Le modalità e la data della votazione vengono scelte dal dirigente scolastico e per candidarsi è necessario compilare gli appositi moduli da richiedere in segreteria. Ogni rappresentante della Consulta Provinciale degli Studenti prende parte all’assemblea plenaria della Consulta, la quale ha il compito di presentare progetti e iniziative che coinvolgano tutte le scuole di una stessa provincia; in più ha il compito di eleggere il presidente, il vicepresidente e il segretario della consulta. I presidenti delle Consulte di tutte le province si riuniscono periodicamente nel Consiglio Nazionale dei Presidenti delle Consulte, il quale ha anche la possibilità di confrontarsi con il Ministro dell’Istruzione.

Parlamento Regionale degli Studenti

Il Parlamento Regionale degli Studenti è composto da 60 parlamentari, di cui 10 eletti dalle scuole e 10 dalla Consulta Provinciale degli Studenti. Il compito del Parlamento Regionale degli Studenti è quello di promuovere ed elaborare progetti di cittadinanza attiva, ovvero promuovere la partecipazione degli studenti alle politiche che regolano l’ambiente scolastico e alle attività che coinvolgono gli istituti superiori. Ha l’obiettivo di informare e sensibilizzare gli studenti sui loro diritti e di avviarli alla vita democratica del paese. Ogni istituto ha la possibilità di eleggere 2 rappresentanti, la cui candidatura segue lo stesso iter di quella per la Consulta.

Quindi ragazzi, se avete voglia di mettervi in gioco per dire la vostra su scuola e istruzione, adesso sapete come fare!

Vuoi impegnarti ma non sai come fare? Scopri tutto quello che succede nella politica studentesca a Firenze!

Credits: www.studenti.toscana.it

Top
Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE