Regionali 2015: intervista a Claudio Borghi candidato della Lega nord

Regionali 2015, toc toc firenze

Le elezioni regionali 2015 sono alle porte, noi di Toc Toc siamo andati alla scoperta dei candidati e dei loro programmi, in particolare per i giovani toscani.

Le nostre domande a Claudio Borghi, candidato della Lega Nord.

Chi è Claudio Borghi?

Sposato, ho due figli. Laureato in Scienze Economiche e Bancarie all’Università Cattolica di Milano, dove insegno (oggi in aspettativa) Economia degli Intermediari Finanziari, Economia e Mercato dell’Arte, Economia delle Aziende di Credito. Ho iniziato giovanissimo a lavorare in Borsa come fattorino, ho concluso da responsabile azionario in Italia per Deutsche Bank. Sono giornalista pubblicista. Ho scritto il libro “Investire nell’Arte”. Conosco bene la Toscana, a cui sono legato sin dall’infanzia, e ho una grande passione per il suo patrimonio artistico. Protettore battezzato (come tutta la famiglia) dell’Aquila, Contrada di Siena, città di cui ho lontane origini. Da poco responsabile economico della Lega Nord, sono stato candidato governatore da tutto il Consiglio Nazionale della Lega Nord Toscana, e ho accettato con orgoglio ed entusiasmo.

Quali sono le Sue priorità per i giovani toscani?

Primi posti nelle liste degli alloggi popolari, incentivi per giovani coppie, premi per ogni nuovo nato, asili nido gratis. Vogliamo una scuola che renda i ragazzi preparati alle necessità delle PMI toscane. Ma puntiamo a uscire dalla gabbia Euro-UE il prima possibile, allorché potremo ritrovare competitività, facoltà di imporci le tasse che vogliamo, far ripartire lavoro e produzione: questo è il modo per dar lavoro ai nostri ragazzi, non il Jobs Act o altre trovate simili. Troveremo le risorse anche tagliando super stipendi per dirigenti dall’utilità discutibile.

Quali sono stati secondo lei i risultati del progetto Giovani Si?

Non ho le carte per verificare i risultati del progetto, ma ho i numeri che dicono che l’emigrazione dei Toscani, giovani in particolare, dall’area di Firenze e da tutte le altre nostre città, è tra le più alte in Italia. Prima il PD ci lega mani e piedi a governi servi di chi ci distrugge, e poi vara strani progetti per illudere di porre rimedio al disastro. E’ ora di fare le cose giuste, concrete, e il più in fretta possibile. Se cade la Toscana, cade Renzi, e allora viene il bello.

Regionali 2015, toc toc firenze

Come intende riformare la sanità toscana?

Andando in direzione opposta al PD e a Rossi, responsabili di buchi da centinaia di milioni di euro nelle ASL: sistema sanitario diffuso, almeno una struttura pienamente efficiente per ogni Capoluogo e in aree difficilmente raggiungibili; collegamenti seri per aiutare i pazienti che non hanno un ospedale vicino. Prolungamento orari di apertura anche in fine settimana e ore notturne per esami e analisi, primi posti ai Cittadini italiani residenti in Toscana nelle liste d’attesa. Il modello è il Veneto, dove la Lega è al governo con grandi risultati.

Qual è il ruolo della Toscana in Europa, nello specifico riguardo al tema dei migranti che arrivano nel nostro paese?

La Toscana in Europa deve riprendersi il ruolo di Regione più bella e più appetibile dal punto di vista del turismo e degli investimenti, ma in posizione di forza rispetto al mondo intero, per evitare che gli investimenti diventino svendita. L’accoglienza degli immigrati, che non chiamo profughi perché le guerre in Africa non sono certo una novità degli ultimi tre anni, per la Toscana targata Lega Nord prevede zero ulteriori posti. Oggi l’emergenza sono i Toscani.

Perché i giovani toscani dovrebbero votarla?

L’alternanza è democrazia, e per la prima volta c’è qualcuno che la può realizzare: noi. Il nostro programma è molto forte e di totale rottura, consultabile sul sito web della Lega Nord Toscana. Crediamo serva davvero una rivoluzione, questa terra lo merita. Stavolta c’è una coalizione, la nostra, che si pone a garanzia assoluta degli interessi della Toscana e dei Toscani: è un’opportunità che non va sprecata. Ma soprattutto crediamo che i giovani toscani debbano punire un PD colpevole di scandali da miliardi di euro, che hanno annientato ricchezze create dai Toscani del passato. Vorranno dargli ancora fiducia? Credo proprio di no. Si può provare a cambiare, anzi si deve.
credits: Facebook
Al fine di fornire ai nostri utenti un quadro il più ampio possibile delle proposte e delle idee dei candidati, ci sarebbe piaciuto pubblicare anche le risposte del candidato del Movimento 5 Stelle, Giacomo Giannarelli. Purtroppo, nonostante le ripetute sollecitazioni, non è pervenuta nessuna risposta alle nostre domande.

Commenti

Lorenzo Mattei

Diplomato cuoco, laureato in sociologia, specialista in comunicazione politica e musicista a tempo perso. Visto che ci siamo proverò a raccontarvi Firenze.

Top
Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE