Imparare l’arte del cinema: alla Scuola Nazionale di Cinema Indipendente è possibile.

Il cinema non morirà mai, ormai è nato e non può morire: morirà la sala cinematografica, forse, ma di questo non mi frega niente.

Queste parole le ha dette Mario Monicelli alla consegna del Leone d’Oro alla carriera alla Mostra del Cinema di Venezia nel 1991.

Perché il cinema continui a vivere, perché la sua arte non muoia mai ma, al contrario, continui ad essere una piacevolmente presente nelle nostre vite, è necessario che questa venga tramandata di generazione in generazione. È necessario che i giovani abbiano la possibilità e i mezzi per entrar a far parte del mondo che va oltre la proiezione nelle sale o la lettura di un DVD.

Spesso, guardando un film, non vediamo il mondo della celluloide come una possibilità concreta di futuro, ma in realtà rendere della cinematografia un mestiere è possibile.

A Firenze è nata una scuola che insegna proprio questo, insegna un lavoro e aiuta a coltivare una passione: la Scuola Nazionale di Cinema Indipendente.

la Scuola Nazionale di Cinema Indipendente, toc toc firenze

Lasciare libertà di espressione a tutti gli allievi: ecco l’idea della Scuola Nazionale di Cinema Indipendente

La Scuola Nazionale di Cinema Indipendente, fondata da Salvatore Vitiello nel 1999, ha una filosofia: desidera aprire la strada verso qualunque dimensione d’arte o creatività senza limitarne nessuna, dando la possibilità a tutti coloro che amano fare cinema di realizzare cortometraggi e lungometraggi grazie ai loro corsi di formazione.

Alla Scuola Nazionale di Cinema Indipendente funziona così

Secondo la SNCI è fondamentale identificarsi nel proprio lavoro affinché il risultato sia autentico.
Sono 5 i corsi che propone ed in questi vengono messe a disposizione degli allievi tutte le attrezzature per girare un film.

Questi sono: Regia cinematografica e documentaristica, tecnico audio video, direzione alla fotografia, sceneggiatura e recitazione.

Durante i corsi gli allievi potranno fare esercitazioni pratiche, come accade nel corso di regia cinematografica e documentaristica dove gli studenti dovranno realizzare set di riprese e cortometraggi in collaborazione con il corso di recitazione o, sempre nello stesso corso, la realizzazione di un cortometraggio individuale. Questa possibilità da agli aspiranti attori modo di imparare a muoversi e stare davanti ad una macchina da presa guidati da un regista.

la Scuola Nazionale di Cinema Indipendente, toc toc firenze

La maggior parte dei corsi ha una durata annuale e per parte di essi è previsto uno stage in Emittenti Televisive e/o in Aziende di Video-Produzione.

 Volti noti contribuiscono all’arricchimento delle lezioni

Proprio così, la Scuola Nazionale di Cinema Indipendente non si fa mancare proprio niente.

La SNCI organizza sempre incontri e stage con grandi nomi del cinema, con lo scopo di arricchire questi eventi e trasformare la Scuola in un punto di incontro con altre forme d’arte, così da promuovere uno sviluppo ancora più proficuo per i propri allievi.

Tra questi nomi non possiamo non citare il grandissimo regista Dario Argento, l’attore e scrittore Fabio Canino, il regista e attore Giulio Questi e tanti altri.

Tutte le produzioni ed i cortometraggi degli allievi, inoltre, sono raccolte in DVD e messe in vendita sia online che nei punti vendita autorizzati.

Firenze è anche questo: un fiume di possibilità che aspettano i giovani appassionati dietro l’angolo.

 

Top
Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE