Strani dialoghi – La bottega di Calliope

Questa settimana presenteremo uno dei testi più originali e apprezzati dall’intero gruppo di scrittura.
Si tratta di un dialogo molto particolare e non diremo altro per non rovinare la sorpresa…

Dialogo tra Dio e Pollo

Dio: Ma secondo te esiste?

Pollo: Cosa?

Dio: l’Uomo.

Pollo: Naaa… impossibile.

Dio: Ok, ma se esistesse come sarebbe?

Pollo: Alto, biondo, occhi azzurri…

Dio: Ma dai! Fai il serio. A volte ci penso sai… all’Uomo. Mi piacerebbe davvero che esistesse, lassù, da qualche parte.

Pollo: Empiricamente parlando, possiamo dire solo questo: che esso esista o meno, a noi non ce ne viene niente. Pensaci un attimo: anche se esistesse, sarebbe qualcosa di così diverso da noi che non potremmo nemmeno parlarci. Non potremmo avere alcun contatto, non potremmo interagire in alcun modo. Che esista o meno, come potremmo mai saperlo? E, infine, che differenza fa? Per quanto mi riguarda, mi dichiaro agnostico.

Dio: Sì, capisco, però a volte è confortevole fare di questi pensieri, sai, almeno per me. Se davvero non ci fosse niente lassù, se davvero l’universo fosse un unico, immenso, nulla… che solitudine…

Pollo: Eddai, Dio. Ci sono io…

Dio: Non scherzare.

Pollo: E va bene, ipotizziamo, pour parler, che l’uomo esista. Secondo me avrebbe degli occhi, per esempio sette o otto sfere gelatinose collegate ad un centro di elaborazione visiva. Così da potersi muovere meglio nello spazio.

Dio: No. Otto sono troppi, due bastano.

Pollo: Così pochi?

Dio: Non lo sai che bastano due punti per definire una linea retta?

Pollo: Ma l’universo non è una linea retta. Stai sicuro che con due occhi soli l’uomo sarebbe un imbecille totale. Non potrebbe discernere, che so, l’alto dal basso, il bene dal male… E soprattutto stai sicuro che non potrebbe mai sapere nulla di noi. Con due occhi non ci fai niente…

Dio: Non mi convinci. Secondo me anche senza vederci, qualcosa di noi potrebbe intuirlo.
Secondo me, potrebbe anche prendere ad adorarci.

Pollo:  Adorare Dio e Pollo? E come? Alzando le mani al cielo?

Dio: No, costruendo torri e recitando salmi. Sennò a che gli servirebbero le mani e la bocca?

Pollo: La bocca? E che cos’è la bocca?

Dio: Un buco in mezzo alla faccia.

Pollo: Ma che schifo! Tu credi che l’uomo abbia un buco in mezzo alla faccia??!

Dio: Beh forse non è perfetto, ma da dove gli uscirebbe il suono sennò? Ma poi tu come te lo immagini, scusa? A nostra immagine e somiglianza?

Pollo: Non so, forse…

Dio: Per me, un Pollo nell’universo basta e avanza.

Pollo: Anche un Dio se è per questo… anzi, è pure troppo. Ma andiamo avanti.

Dio: Secondo te sarà grasso?

Pollo: Non lo so, dipende da quanto mangia.

Dio: Non troppo, sennò viene su viziato. Ma nemmeno troppo poco.

Pollo: Perché no? Piccolo va veloce.

Dio: Sì ma se lo beccano lo schiacciano subito.

Pollo: E quindi?

Dio: E quindi muore. è una cosa triste, immagino…

Pollo: E dove sta scritto che deve essere felice? Non sono mica felice io…

Dio: Perché mangi troppo poco…

Pollo: Ah, perché, sei felice tu?

Dio: Felice? Non saprei… forse mangio troppo poco anch’io…

Pollo: Quindi, secondo te, uno più mangia e più è felice? Se così fosse anche per l’Uomo, passerebbe tutta la vita a cercare di mangiare e nient’altro. Che vita è? Non pensi che avrebbe bisogno di qualche distrazione ogni tanto?

Dio: Ed è qui che entriamo in scena noi!

Pollo: Ok, basta. Questo è troppo. Che sia chiaro: l’Uomo non esiste. Non è mai esistito. E mai esisterà.

Dio: Ne hai le prove?

Pollo: Sì. Perché se davvero l’Uomo esistesse, e se fosse così come tu lo hai descritto. Se avesse due occhi. Se avesse un naso e una bocca. Se potesse parlare, se potesse costruire torri, se potesse correre, ridere e saltare. Se potesse amare, conoscere e morire. Se nonostante tutto questo noi fossimo ugualmente qua, soli, a sognare ad ogni barlume infiniti mondi ed altri tempi, allora vorrebbe dire che, lassù da qualche parte, è solo anche lui, a condividere la nostra stessa idiozia.
E questo proprio non mi va giù!

Dio: Sì, però, secondo me, se l’uomo esistesse, avrebbe una mamma e un papà.

Pollo: Una mamma e un papà dici? Per essere meno solo?

Dio: No. Per imparare che si può essere uno e tre allo stesso tempo. E chissà che magari un giorno non arrivi a essere anche più di tre…

Pollo: Tipo quanto? Sette? Otto?

Dio: Chi può dirlo… solo l’Uomo lo sa.

Autore: Paolo D’Antonio

tasti2

 

Vuoi leggere altri racconti e poesie? Allora scopri le altre opere della Bottega di Calliope!

Credits: Lk Luka, Maria Teresa Ambrosi

Partecipa alla discussione!
  • Avatar

    EsseCìEffe è un gruppo informale di giovani scrittori fiorentini, che ogni settimana si incontra per condividere i propri racconti, poesie, filastrocche, dialoghi teatrali o qualsiasi cosa una mente creativa e una penna possono generare.

Potrebbe interessarti anche

Visitare Firenze, Toc Toc Firenze

Visitare Firenze col naso all’insù

Per visitare Firenze in tutta la sua grandiosità  bisognerebbe camminare col naso all’insù, perché ...

franco zeffirelli, toc toc firenze

Franco Zeffirelli e Firenze: storia di una vita

In una intervista il cineasta fiorentino Franco Zeffirelli, 92 anni lo scorso 23 febbraio, ...

  • Commenti