L’anti-bamboccione: chi è lo studente lavoratore?

studente lavoratore, toc toc firenze

In Italia, almeno 4 universitari su 10 hanno un lavoro regolare. Ma cosa significa davvero essere uno studente lavoratore?

Il panorama degli studenti lavoratori è piuttosto ampio. Ci sono gli universitari a tempo pieno, che però si affidano a lavoretti saltuari per qualche soldo extra: l’esercito delle hostess, dei promoter, dei lavoratori stagionali.

Non mancano i lavoratori-studenti, persone che hanno iniziato a lavorare dopo il diploma e che decidono di tornare a studiare per ottenere un titolo che aumenti le loro prospettive di carriera. Ma la tipologia più diffusa rimane quella del tipico studente part-time, fuori corso o meno, che si divide regolarmente tra lo studio e un lavoro fisso.

Quali sono i motivi che spingono uno studente universitario a diventare un anti-bamboccione, creatura mitologica ignorata dai media, che si arrabatta per trovare il tempo di studiare, lavorare ed esistere?

studente lavoratore, toc toc firenze

  La questione principale è quella economica: non tutte le famiglie possono permettersi un figlio fuori sede. Ma c’è anche un non trascurabile 29% di studenti che, pur non avendo questo problema, decide di trovarsi un lavoro.

Chi ce lo fa fare?

Le beghe da affrontare, infatti, non sono poche.  Come se rinunciare a una consistente fetta di sacrosanta vita sociale e pronunciare la frase “non ho tempo” come un mantra non bastasse, nessuno pare intenzionato a venirci incontro. Nonostante la maggior parte dei professori sfoderi programmi da non frequentante senza battere ciglio, succede anche che ci si senta rispondere: “Penso che debba rivedere le sue priorità. Se preferisce lavorare piuttosto che venire a lezione, io non posso farci niente” (sì, è una storia vera).

Ma anche quando si riesce ad ottenere un programma ad hoc, questo brulica di capitoli o addirittura libri aggiuntivi, come se preparare un esame senza assistere alle lezioni fosse più semplice. Il regolamento universitario, oltretutto, impedisce ai fuori corso di acquisire lo stato di studente part-time.

Se poi volete risolvere il Grande Enigma, e cioè se gli studenti fuori corso abbiano o meno l’obbligo di frequenza, dovrete compiere un lungo cammino e passare da almeno cinque ricevimenti, tre segreterie e due santoni indiani (questi sono i più facili, li potete trovare anche in piazza Sant’Ambrogio). Ma non è detto che il singolo professore accetti la teoria filosofica espostavi dalla segretaria, e viceversa.
Insomma, auguri.

Per quanto riguarda il lavoro sembrano esserci meno problemi.

Leggende sindacali narrano anche di contratti di lavoro appositi, che permettono di prendere fino a 120 ore di permessi studio retribuiti: non serve dire che la stragrande maggioranza dei datori di lavoro preferisce quelli a chiamata, dove i “permessi” sono sì illimitati, ma non retribuiti.

E allora, perché ogni dieci studenti lavoratori, tre lo fanno per scelta?

Chiaramente, guadagnarsi un po’ di indipendenza è sempre gratificante, ma soprattutto, a forza di sentir parlare di laureati disoccupati (ad oggi, circa duecentomila), è ormai chiaro che la laurea è soltanto un punto di partenza per trovare un lavoro, e non più un mezzo reale ed efficace.

studente lavoratore, toc toc firenze Se vedere un candidato fresco di laurea triennale alla tenera età di 26 anni fa storcere la bocca a più di un selezionatore, la totale mancanza di esperienza non sembra avere un impatto migliore: chi si è laureato lavorando viene considerato più dinamico, con una formazione più completa e solida.

Perché parliamoci chiaro: mentre l’università fornisce basi prevalentemente teoriche, qualsiasi esperienza lavorativa insegna ad avere un approccio più pratico alle questioni professionali e quotidiane, e a razionalizzare ed organizzare al meglio i propri impegni.

  Credits: Indagine “EUROSTUDENT IV: Social and economic conditions of student life in Europe” pubblicata da Il Sole 24ore; dati sulla disoccupazione dei laureati: Risultati Istat pubblicati su Repubblica.it il 24 marzo 2013

Partecipa alla discussione!
  • Ventiquattro anni, trapiantata a Firenze da cinque. Sono iscritta alla facoltà di lingue, lavoro, leggo, ascolto musica... Insomma "giro, vedo gente, mi muovo, conosco, faccio delle cose".

Potrebbe interessarti anche

AIESEC, toc toc Firenze

AIESEC, sei settimane per scoprire il mondo

Centoventiquattro paesi, oltre 86mila membri, una moltitudine di lingue e un’unica casa, il pianeta. ...

  • Commenti