Un tuffo nel passato: il treno a vapore del Mugello

treno a vapore del mugello, toc toc firenze

Alla stazione di Santa Maria Novella siamo abituati a prendere sempre più treni ad alta velocità e a viaggiare per lavoro e non per nuove avventure.

Oggi tuttavia mettiamo da parte il “tran tran” giornaliero e dedichiamoci alla pace, alla natura offerta da un lento e antico treno a vapore che parte solo in occasioni speciali, feste e sagre.

Di che cosa si tratta

Il treno a vapore del Mugello parte dalla stazione di Santa Maria Novella, attraversa in un’ora e mezza il tipico paesaggio toscano, arrivando a Borgo San Lorenzo.

treno a vapore del mugello, toc toc firenze

Il viaggio in queste cinque carrozze permette di assaporare sensazioni che oggi difficilmente riusciremo a provare: sedili originali in legno su cui altre persone prima di noi erano solite sedersi per andare a lavoro, a scuola o in guerra; l’odore di fuliggine all’interno delle carrozze; e altre particolarità della vita prima degli anni ’70, prima dell’introduzione dei locomotori Diesel.

Un viaggio di piacere, ma anche di riflessione e meraviglia nei confronti di vite passate e di un territorio che lascia senza fiato.

Eventi e date di partenza

Una delle partenze più famose è sicuramente quella  del “Treno della befana”: il 6 gennaio di ogni anno il treno a vapore parte da Firenze Santa Maria Novella e arriva a S. Piero a Sieve per poi tornare indietro; tutto ciò con la befana a bordo per la gioia dei bambini fiorentini che sperano di ricevere dolcetti e non carbone. treno a vapore del mugello, toc toc firenze

Un’altra partenza importante è quella che si ha in occasione della Sagra delle Castagne di Marradi che si tiene ogni anno ad ottobre. Il “Treno delle castagne” vi porterà sbuffando vapore sull’Appennino Tosco-Romagnolo verso il famoso “Marrone di Marradi”, le bancarelle, gli artisti di strada e quant’altro offre questa sagra.

Simile all’Espresso per Hogwarts, il treno a vapore del Mugello è un esperienza suggestiva e quasi magica che ci fa fare un tuffo nel passato dove tutto sembrava andare più lentamente.

 

Credits: turismo.intoscana.it, travelblog.it, 055firenze

Partecipa alla discussione!
  • Diplomata al liceo classico, frequento la facoltà di scienze politiche. Sono una marchigiana innamorata di Firenze che "mangia libri a colazione" e si diverte a fare foto. Sto ancora aspettando una piccola spinta per iniziare a girare il mondo con lo zaino in spalla, nel frattempo improvviso.

Potrebbe interessarti anche

Museo casa siviero

Alla scoperta del Museo Casa Siviero

Una sensazione familiare al Museo Casa Siviero Non tutti conoscono il museo Casa Siviero, ...

Marcia trionfale – La bottega di Calliope

Innanzi tutto dobbiamo un doveroso ringraziamento allo scrittore Daniele Pasquini, che è stato ospite ...

  • Commenti